Dopo la Brexit è arrivata la pandemia poi la guerra e ora l’inflazione. L’economia britannica è in crisi profonda.

Neanche il Regno della regina Elisabetta è immune alla grave crisi economica che sta colpendo tutto il mondo. I segni della pandemia sono stati inondati dal duro caro energia dovuto al conflitto in Ucraina. In più nel Regno Unito le conseguenze economiche della Brexit si stanno facendo sentire.

La Gran Bretagna rischia la recessione. Questa opzione potrebbe non essere così remota. Si prospettava che sarebbe arrivata nel 2023 ma potrebbe palesarsi anche entro la fine di quest’anno. Non è un mistero che il paese sia in gravi difficoltà economiche. Secondo la previsione della Bank of England l’inflazione rischia di superare il 10% in autunno. La causa è il vertiginoso aumento dei prezzi delle materie prime e dell’energia conseguenti alla guerra in Ucraina.

Secondo la società Gfk, come riporta il Sole24Ore, la fiducia dei consumatori britannici è crollata al livello più basso mai registrato, toccando -40 punti. Un dato ancora più basso di quello registrato durante la crisi del 2008m quando la fiducia era scesa a -39.

paesaggio londra panorama
paesaggio londra panorama

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

La storica recessione del Regno Unito

I prezzi nel Regno Unito, secondo l’istituto di statistica britannico, i prezzi sono saliti del 9%, mentre a marzo erano saliti del +7%. Un incremento che non si registrava da più di 40 anni. La causa è da ricercare nell’aumento dei costi dell’energia che ha portato ad un aumento dei costi del cibo – aumentati del 6% – e dei trasporti. Tutto ciò, unito agli effetti della Brexit, ha provocato l’inflazione. Secondo gli esperti, l’impennata dei prezzi degli alimentari non finisce qui e ci si aspetta un altro aumento “apocalittico”.

Una situazione che il Regno Unito non registrava da decenni e che tenderà a peggiorare nei prossimi mesi. Il ministro del Tesoro britannico Sunak ha annunciato che “non si può fingere” di trovare soluzioni rapide per alleviare il caro vita. “Non c’è misura che nessun governo possa prendere – sottolinea Sunak – in grado di far scomparire dall’oggi al domani” le forze che agiscono a livello globale. 

Inoltre Ofgem, l’ente britannico che regola i prezzi energetici, ha deciso di rimuovere il tetto imposto a elettricità e gas. Una decisione che ha fatto schizzare i costi delle bollette del 54% in aprile e si prevede un ulteriore aumento in ottobre del 40%.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 24-05-2022


In arrivo il bonus di 200 euro

Decreto Anti Rincari 2022: di cosa si tratta