Le regole della ‘zona gialla rafforzata’: locali aperti la sera all’aperto. Confermato il coprifuoco.

ROMA – Dal 26 aprile in Italia fa il suo esordio la zona gialla rafforzata. Il quadro epidemiologico in miglioramento ha portato il premier Draghi a rivedere il decreto e alleggerire le misure in vigore nel nostro Paese. Andiamo a vedere nei dettagli quali sono le regole.

Le regole della ‘zona gialla rafforzata’

Andiamo a vedere le regole della zona gialla rafforzata. Questa nuova fascia entrerà in vigore dal 26 aprile e consentirà a molte regioni e attività di respirare.

Coprifuoco

Al momento il coprifuoco è confermato dalle 22 alle 5. Il ministro Speranza ha ribadito che il Governo valuterà settimanalmente la curva e per questo non sono escluse novità.

Scuola

La scuola riparte. In zona gialla e arancione previste le lezioni in presenza al 100% per le scuole di ogni ordine e grado (Università inclusa). In zona rossa, invece, prevista la presenza fino alla terza media, mentre alle superiori è previsto il 50% in classe e l’altro 50% a distanza.

Ristoranti, locali e bar

Ristoranti e bar con posti all’aperto potranno aprire a pranzo e a cena. Le regole saranno stabilite nei prossimi giorni dal Cts. Possibile chiusura dei locali entro le 21:30 per rispettare il coprifuoco delle 22.

Coronavirus bar
Coronavirus bar

Piscine e palestre

Nessun allentamento delle misure, al momento, per piscine e palestre. Le prime dovrebbero riaprire il 15 maggio e la riapertura dovrebbe interessare le piscine all’aperto, mentre per le per le palestre si dovrà aspettare il 1° giugno.

Spostamenti

Tra le zone gialle gli spostamenti dovrebbero tornare liberi dal 26 aprile, mentre per un passaggio da una fascia all’altra ci vorrà un test o il pass vaccinale.

Cinema, teatri e musei

Via libera per cinema, teatri e musei. Le riaperture in zona gialla per quanto riguarda i locali chiusi avverranno secondo le regole approvate in passato. Per i locali all’aperto il numero di persone sarà maggiore e dipenderà dagli spazi a disposizionr.

Spiagge

Per quanto riguarda le spiagge, il via libera nelle zone gialle è previsto per il 15 maggio.

Sport

Via libera allo sport all’aperto anche di contatto. Quindi dal 26 aprile in zona Gialla si potrà tornare, ad esempio, a giocare a calcetto.

Le indicazioni del governo

“A partire dal 26 aprile tornano le zone gialle, ma con un cambiamento rispetto al passato: si dà precedenza alle attività all’aperto, a partire dalla ristorazione con tavoli all’aperto a pranzo e a cena. Una decisione che si fonda su un “rischio ragionato”, basata sul parere degli scienziati, che ci dicono che il rischio di contagio all’aria aperta è basso. I ristoranti potranno riaprire anche al chiuso solo a pranzo a partire dal 1° giugno.
Con il ripristino delle zone gialle riaprono automaticamente i musei, mentre teatri, cinema e spettacoli in zona gialla potranno riaprire con misure di limitazione di capienza stabilite dal Comitato tecnico scientifico.

A partire dal 15 maggio potranno riavviare l’attività le piscine solo all’aperto e dal 1° giugno le palestre. A seguire fiere e congressi, stabilimenti termali e parchi tematici.

Nelle zone gialle e arancioni riaprono le scuole di ogni ordine e grado in presenza; nelle zone rosse saranno aperti in presenza gli asili nido e le scuole fino alla prima media, e per i licei ci sono modalità che suddividono le lezioni in parte in presenza e in parte a distanza”, si legge nella nota pubblicata sul sito del governo.

Partita ancora ‘aperta’

Come ricordato da Speranza e dal premier Draghi, la situazione è in costante evoluzione e potrebbe cambiare – presumibilmente in meglio – nel corso delle settimane.

TAG:
coronavirus primo piano

ultimo aggiornamento: 16-04-2021


Chicago, 13enne ispanico ucciso da un agente di polizia

Coronavirus, Brusaferro: “In Italia lenta decrescita”