Matteo Renzi torna a parlare della prescrizione: “Se Conte vuole cacciarci basta dirlo. Noi non votiamo il pasticciaccio”.

Intervenuto ai microfoni de il Corriere della Sera, il leader di Italia Viva Matteo Renzi torna ad attaccare il governo sulla prescrizione minacciando di dare battaglia in Aula, dove l’esecutivo rischia di andare clamorosamente in minoranza.

Renzi avverte Conte, “Se vuole cacciarci basta dirlo”

Decida Conte: se vuole cacciarci, basta dirlo. Se vuole tenerci, lavoriamo. Nell’uno e nell’altro caso noi non votiamo il pasticcio prescrizione: le idee vengono prima delle poltrone“, ha dichiarato Matteo Renzi intervenuto ai microfoni de il Corriere della Sera.

Forzare sulla prescrizione è oggettivamente assurdo in un momento nel quale abbiamo il coronavirus, l’incidente del Frecciarossa, il Pil negativo e in ogni caso la forzatura viene dai giustizialisti, non da noi. Noi non stiamo forzando: abbiamo solo chiesto di prenderci tempo con il lodo Annibali“, rincara la dose Renzi rimarcando la spaccatura con il resto del governo sul tema della prescrizione.

Renzi Matteo
fonte foto https://www.facebook.com/matteorenziufficiale/

Prescrizione, la resa dei conti in Aula. I rischi per la maggioranza sono tutti al Senato

La resa dei conti avverrà in Aula, dove Italia Viva lancerà una lotta a suon di emendamenti prima di decidere da che parte votare. Alla Camera la maggioranza dovrebbe superare la prova anche se i renziani dovessero far venir meno il proprio appoggio. Il vero problema riguarda la votazione al Senato.

A Palazzo Madama il governo ha una maggioranza minima e il passo indietro di Italia Viva potrebbe metterlo in minoranza. Con un clamoroso colpo di scena che darebbe nuova linfa alla campagna del Centrodestra.


Sondaggi, dramma M5s

Coronavirus, 600 italiani ‘in ostaggio’ in Cina