Il leader di Italia Viva attacca il pentastellati e il reddito di cittadinanza.

Matteo Renzi ha criticato il leader del M5S del fatto che va in giro per il Sud promettendo di rafforzare il sussidio per avere voti. «Per me è uno scandalo che Giuseppe Conte vada in giro per il sud promettendo a tutti di mantenere il sussidio. E che vada alle iniziative tirando fuori la tesserina gialla. Io lo dico ai toscani: volete questo sistema clientelare di voto di scambio?», ha detto Renzi nel suo tour elettorale nella sua città di Firenze.

«Potete votare i 5s o addirittura anche il Pd che ora sta difendendo il reddito di cittadinanza.” ha detto ironicamente l’ex premier. “Ma quando Conte vi dice anche in Toscana ‘vi facciamo rifare gratuitamente le case’, quel gratuitamente non esiste, non c’è niente di gratis in politica», ha puntualizzato Renzi riferendosi al Superbonus, la misura fortemente voluta dal M5S che però finora ha provocato molte truffe.

Matteo Renzi
Matteo Renzi

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Renzi contro reddito di cittadinanza e superbonus

«Non è che sta pagando Conte, stanno pagando i vostri figli perché è un modo per far pesare il debito pubblico sulle spalle dei figli. Allora, non c’è niente di gratis nelle proposte dei 5s c’è una consueta e scandalosa demagogia» critica Renzi. Il leader di Iv poi accusa anche il Pd. «Quello che colpisce è che il Pd ha cambiato idea sul reddito di cittadinanza, ha cambiato idea su ‘Casa Italia – Italia sicura’, ha cambiato idea su tutto, fra un po’ cambierà nome e da Pd si chiameranno 5 Stelle» ironizza l’ex premier.

Inoltre, sul rifiuto di Mario Draghi ad un secondo mandato a Palazzo Chigi non crede come il suo alleato Calenda. Secondo Renzi, alle giuste condizioni il premier accetterebbe un bis. Intanto, la destra inizia a temere che Renzi sta preparando una trappola alla coalizione probabilmente vincitrice.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

Speciale Governo

ultimo aggiornamento: 17-09-2022


Accuse di molestie a Richetti: il senatore nega

Elezioni rimandate e firma digitale, cosa sta succedendo?