Come ricaricare la postepay con bancomat

5 paesi low cost dove rifarsi una vita

Ricaricare la postepay con il bancomat è possibile usando molti dei canali di pagamento che Poste Italiane mette a disposizione. Vediamone alcuni.

Caricare postepay: molte opzioni disponibili

I metodi disponibili per effettuare la ricarica della postepay sono molto numerosi, e Poste Italiane ha messo a disposizione una pagina ufficiale che li elenca tutti. Ecco alcuni fra quelli più comuni disponibili:

Ricarica Postepay presso un ufficio postale:

– Attraverso il versamento in contanti

– Attraverso un’altra carta Postepay

– Attraverso una carta Postamat Maestro o attraverso qualunque altra carta Bancoposta abilitata

Ricarica Postepay all’ATM BancoPosta:

La ricarica postepay da Postamat (il nome completo degli ATM di Poste Italiane) è senza dubbio il sistema più pratico. Dobbiamo solo recarci allo sportello, ovviamente con i dati necessari della nostra Postepay, e assicurarci di avere un bancomat o una carta di pagamento abilitata per i circuiti sotto elencati. Teniamo presente che una percentuale piuttosto alta dei comuni Bancomat è compatibile anche con i circuiti Maestro oppure Vpay.

– Attraverso un’altra carta Postepay

– Attraverso un’altra carta BancoPosta

– Attraverso una carta di pagamento del circuito Visa, Visa Electron, Vpay, MasterCard e Maestro (quindi attraverso un altro bancomat)

Come possiamo vedere, sia agli sportelli sia agli ATM è possibile ricaricare una Postepay con una Postepay, trasferire cioè il denaro fra due conti analoghi, senza troppi vincoli sulle intestazioni.

Non volendo citare tutte le altre metodologie di ricarica Postepay ci fermiamo qui ma calcolate che sono molte altre comprese quelle da App. Vediamo ora effettivamente come ricaricare una Postepay con bancomat. Ultimamente questa operazione è possibile usando anche la App Postepay, che permette i trasferimenti di denaro in tempo reale fra due postepay, per piccoli importi.

Ricaricare la postepay con Bancomat di BancoPosta o altra tipologia di Bancomat

Abbiamo visto come gli sportelli Bancoposta e i Postamat siano i due sistemi più pratici per ricaricare la nostra postepay usando il bancomat, in particolare se ne abbiamo uno collegato a un conto bancoposta, o comunque facente parte di un circuito abilitato e compatibile.

Ricarica Postepay da Bancoposta allo sportello

In questo caso le cose sono piuttosto semplici, dal momento che sarà sufficiente spiegare all’operatore quello che volgiamo fare.
L’unico consiglio è quello di comunicare subito di voler effettuare la ricarica attraverso il bancomat: in questo modo, se non si tratta di un prodotto bancoposta l’operatore potrà verificare se il nostro bancomat o la nostra carta sono compatibili con il sistema di ricarica Postepay prima di procedere.
Se non ci sono contrattempi dovuti alla compatibilità, si procede come per un normale acquisto, verificando l’importo e digitando il nostro PIN quando richiesto.

Ricarica postepay da postamat, rapida procedura:

Inserite la carta Maestro/Visa
Digitate il PIN e selezionare l’opzione ricarica Postepay
Digitare il numero della carta Postepay da ricaricare
Inserire l’importo della ricarica
Confermare e ritirare la ricevuta

Se effettuiamo la ricarica utilizzando un bancomat che non sia collegato a Poste Italiane, alla ricarica potrebbe essere applicata una commissione, a seconda degli accordi fra gli istituti bancari.

Ricarica postepay da banca, si può fare?

Quando si tratta di rapporti con altre banche, la situazione è un po’ più laboriosa. Come riporta il sito ufficiale, i conti online BPM hanno una funzione dedicata, mentre per quanto riguarda le altre banche, l’unica strada possibile è quella di informarsi caso per caso.
L’unica eccezione sono le care Postepay Evolution: dal momento che dispongono di un codice IBAN, Possono essere ricaricate con un semplice bonifico da qualsiasi conto corrente, online o tradizionale.

Ricevi le ultime notizie in Real Time, lascia la tua email qui sotto:

Privacy Policy
Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 19-02-2018

Redazione News Mondo