Tra i ripescati anche Umberto Bossi fondatore della Lega Nord.

Molti candidati sono stati coinvolti in conteggi sbagliati da parte del Viminale a causa di una interpretazione sbagliata della legge elettorale. Su richiesta di molti parlamentari è arrivato dal ministero degli Interni il riconteggio. Sono molti quindi gli esclusi che ora all’improvviso si ritrovano in Parlamento e chi invece era stato eletto che ora si ritrova senza uno scanno. Tra questi anche lo storico fondatore della Lega Umberto Bossi che continua i suoi 35 anni alla Camera.

A distanza di 24 ore dal primo elenco di eletti sono arrivati aggiornamenti dati dal riconteggio e dal sistema dei “resti” per l’assegnazione dei seggi nei collegi plurinominali. Cambia così la mappa dei seggi n Parlamento. Queste entrate e uscite, assicura il Viminale, sono a saldo zero per i partiti. Ad esempio, i due seggi conquistati in Lombardia fanno perdere alla Lega uno in Emilia- Romagna e un altro in Sicilia. La mancata elezione di alcuni parlamentari, soprattutto il più eclatante ovvero quello di Bossi, aveva suscitato non pochi malumori all’interno dei partiti.

Camera dei Deputati Parlamento
Camera dei Deputati Parlamento

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Riconteggi e ripescaggi alla Camera: il caos che coinvolge i deputati

La revisione è arrivata dalle indicazioni dell’Ufficio elettorale della Corte di Cassazione. Sono molti i nomi che hanno visto sfuggirsi da sotto lo scanno. In tutto questo polverone anche +Europa ha richiesto un riconteggio dei voti dato che per 0,5% non è riuscita a superare la soglia di sbarramento rimanendo fuori dal Parlamento e suscitando “riserve e perplessità”. L’errore del Viminale è palese e ha creato un caos totale nell’assegnazione dei seggi, complice la complessità della legge elettorale. “Il balletto del Viminale conferma le nostre perplessità, i dati del Viminale sono ufficiosi e il conteggio ufficiale avviene presso le corti d’Appello” ah detto il presidente del partito +Europa Riccardo Magi.

In Campania i seggi ottenuti del centrodestra diventerebbero 21 (e non 22), mentre il centrosinistra salirebbe da 7 a 8. In Calabria il Pd perde due seggi a beneficio del M5S. Tre cambi di seggi anche in Toscana e Umbria. Mentre nel Lazio il Pd riconquista un seggio.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 29-09-2022


Meloni e lo scoglio Salvini: nessun veto

Bonaccini: necessario un cambio profondo nel Pd