In tempi come i nostri è difficile pensare di fare un passo indietro nel passato e rinunciare così agli smartphone e ai vari device, che ormai fanno parte a trecentosessanta gradi della nostra quotidianità.

Dal reperimento delle informazioni di cronaca alle videochiamate fra amici, passando per le conference call di lavoro e alla didattica a distanza. Questi dispositivi sono per noi irrinunciabili ormai, eppure hanno un prezzo, talvolta molto elevato. Come fare per ridurre questi costi non sempre alla nostra portata, e avere comunque la possibilità di possedere un accessorio tecnologico di ultima generazione? Scegliendoli ricondizionati.

Uno smartphone ricondizionato è un prodotto che è già stato disimballato o addirittura utilizzato da diversi mesi e che è stato restituito o rivenduto a un professionista. Viene quindi recuperato, controllato e riparato e garantito da una fabbrica specializzata nel ricondizionamento, come i mille restauratori esperti e certificati affiliati alla piattaforma di marketplace Back Market.

Il cellulare non presenta più alcun difetto funzionale, ma può presentare alcuni difetti estetici come i graffi. Infine, viene restituito in un blister o in una scatola e venduto con il nome “ricondizionato a nuovo”; la qualità è la stessa, i prodotti sono più economici, costano fino al 70% in meno rispetto all’omologo nuovo, e acquistare ricondizionati significa contribuire a ridurre i rifiuti elettronici.

In questo mercato in crescita, gli iPhone ricondizionati hanno il posto d’onore rispetto agli altri smartphone, proprio per il loro costo più oneroso rispetto ai corrispettivi Android.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Perché acquistare uno smartphone ricondizionato?

Il vantaggio principale dell’acquisto di un cellulare ricondizionato è sicuramente additabile al risparmio rispetto a un nuovo modello. In effetti, l’acquisto di uno Smartphone in tali condizioni offre la possibilità di poter avere un dispositivo di fascia alta a un prezzo inferiore rispetto a quello offerto sul mercato.

Questi telefoni, ristrutturati da tecnici esperti di smartphone, vengono quindi offerti in vendita a un prezzo accessibile e alcuni negozi, come Back Market, offrono anche il pagamento rateizzato, oltre che una garanzia di 36 mesi e 14 giorni di ritrazione.

Un notevole risparmio oggi a fronte degli alti prezzi dei nuovi smartphone venduti da produttori come Apple o i suoi competitor. Il gigante delle mele domina anche questo mercato in forte espansione, soprattutto con i due modelli iPhone X e iPhone XR.

Un altro vantaggio, e non meno importante, è che un telefono di seconda mano è ecologico perché riduce la quantità di rifiuti. In effetti, i vecchi smartphone che finiscono nella spazzatura rappresentano una quantità significativa di rifiuti e pongono molti problemi ambientali. Fin dalla sua creazione, Back Market ha evitato la produzione di 1.700 tonnellate di rifiuti elettronici e 72 mega tonnellate di materie prime e ha piantato 100.000 alberi.

Come si può essere sicuri che un telefono ricondizionato funzioni correttamente?

iphone ricondizionati
Fonte foto: pexels.com/photo/closed-up-photography-of-two-iphones-1028674/

Uno smartphone o qualsiasi altro aggeggio tecnologico ricondizionato viene sottoposto a meticoloso controllo tecnico e numerosi test, tutti eseguiti in fabbriche di ricondizionamento e da mani esperte. Il cellulare viene quindi controllato, pulito, aggiornato e tutti i dati vengono cancellati, senza eccezioni.

Durante questa fase, è possibile sostituire componenti tecniche usurate o difettose come uno schermo graffiato, un pulsante danneggiato o persino il processore. Una volta effettuata la verifica, lo Smartphone viene riconfezionato in un blister e rimesso in una nuova confezione. Alla fine, il cellulare rinnovato, nonostante le tracce di un possibile uso precedente sulla shell, è simile a un nuovo prodotto.

Talvolta la sua affidabilità è persino più garantita rispetto ad un device nuovo, perché esso prima di essere rimpacchettato subisce controlli molto più serrati anche su eventuali difetti di fabbricazione, test che – va da sé – non vengono effettuati su un dispositivo appena prodotto.

Fonte foto: pexels.com/photo/closed-up-photography-of-two-iphones-1028674/

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 04-04-2020


Con l’assistente vocale di Google possiamo evitare di toccare il nostro smartphone

Gli appunti di Windows 10 hanno una cronologia comodissima da usare