I risultati delle elezioni provinciali 2018: dominio del Centrodestra in molte regioni. La sinistra si prende Pisa, Chieti e Salerno.

ROMA – Si sono svolte nella giornata di mercoledì 31 ottobre 2018 le prime consultazioni indirette che dovevano eleggere il presidente della Provincia nelle regioni a statuto ordinario. Dominio del Centrodestra che è riuscito a vincere quasi in tutti i centri.

In Calabria sia a Vibo Valentia che a Catanzaro l’alleanza formata da FI, Lega e Forza Italia è riuscita ad avere la meglio su tutti gli avversari e conquistare una vittoria forze preventivabile alla vigilia. Lo stesso vale per Rieti, Pescara, Teramo e Foggia. Nessuna sorpresa neanche a Verona dove il candidato del Carroccio è riuscito a conquistare la poltrona della provincia veneta.

Elezioni
fonte foto https://twitter.com/abollis

Elezioni Provinciali 2018, qualche difficoltà per la sinistra. Cinque province ai candidati del Partito Democratico

Il dominio del Centrodestra è stato interrotto in sei province, dove la sinistra è riuscita a riconfermare la vittoria delle precedenti elezioni. Se per Livorno – da sempre un fortino dei dem – non c’erano grandi dubbi, le conferme a Chieti e Salerno sorprendono un po’. I due candidati sono riusciti ad avere la meglio sugli avversari con oltre il 10%.

A Pisa anche il Partito Democratico è riuscito a portare il successo con il candidato Massimiliano Angori che è riuscito a superare il leghista Michele Conti. Il centrodestra si è presentato compatto ma sono mancati i voti dei due consiglieri del M5s che alla fine non hanno votato. L’ultimo successo per la sinistra è arrivato a Potenza con Rocco Guarino che è riuscito a ottenere la maggioranza.

Si sono trattati di votazioni molto particolari visto che per la prima volta non sono stati chiamati a votare i cittadini ma solamente i consiglieri comunali della provincia.

fonte foto copertina agrigentooggi.it


Trento, Fugatti: cambierò Festival dell’Economia, c’è troppa sinistra

Manovra, botta e risposta tra Mattarella e il Governo