Manovra, botta e risposta tra Mattarella e il Governo

Manovra, Sergio Mattarella scrive al premier Conte: “Desidero rivolgermi al governo nel comune intento di tutelare gli interessi fondamentali dell’Italia”.

ROMA – Nei giorni caldi delle discussioni sulla manovra economica, sottoposta al vaglio di Mattarella che ha firmato il documento rimettendosi al Parlamento, il capo dello Stato ha voluto mandare una lettera al governo chiedendo che vengano tutelati gli interessi fondamentali del paese e che si prendano i provvedimenti necessari per evitare di creare un clima di instabilità finanziaria.

Manovra, la lettera di Sergio Mattarella al governo: l’obiettivo è una legge di bilancio che ponga l’Italia al riparo dall’instabilità finanziaria

Mentre i vertici del governo continuano a dirsi fiduciosi del testo della manovra redatto continuando a confidare in un dialogo costruttivo con l’Unione europea, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha voluto inviare una lettera destinata all’esecutivo esprimendo la propria preoccupazione per la strada intrapresa.

Desidero rivolgermi al Governo, nel comune intento di tutelare gli interessi fondamentali dell’Italia, con l’obiettivo di una legge di bilancio che difenda il risparmio degli italiani, rafforzi la fiducia delle famiglie, delle imprese e degli operatori economici e ponga l’Italia al riparo dall’instabilità finanziaria“, recita la lettera inviata da Sergio Mattarella al premier Conte come riportata dall’ANSA.

fonte foto http://www.quirinale.it/elementi/17748

Manovra, le preoccupazioni di Mattarella

La lettera conferma il fatto che la scelta di Mattarella di firmare il testo della manovra fosse una scelta di fatto obbligata per evitare una crisi in un momento particolarmente delicato e potenzialmente decisivo per il futuro prossimo del paese, in lotta tra la recessione e la rinascita economica.

Il presidente della Repubblica, però, non ha voluto nascondere le sue preoccupazioni

Manovra, il governo risponde a Mattarella: “Il dialogo con l’UE è prolifico e costante”

Nel pomeriggio del 1° novembre è arrivata la risposta di Palazzo Chigi al presidente Mattarella: “Come ricordato dal Capo dello Stato – si legge nella nota riportata dall’ANSA c’è senz’altro il comune intento di lavorare alla stabilità dei conti pubblici alla tutela del risparmio. In un periodo caratterizzato da un ciclo economico avverso, il governo intende rilanciare la crescita e l’occupazione, con una particolare attenzione agli investimenti al contrasto della povertà e delle disuguaglianze“.

L’interlocuzione – conclude il comunicato – tra il Governo italiano e la Commissione europea avviene nel contesto di un dialogo proficuo e costante“.

fonte foto copertina http://www.quirinale.it/elementi/17748

ultimo aggiornamento: 02-11-2018

X