I risultati della sesta votazione per l’elezione del presidente della Repubblica vede Mattarella in testa. Ma è testa a testa Cartabia e Belloni.

ROMA – Sesta votazione per l’elezione del presidente della Repubblica con una fumata nera. La partita, come era pronosticabile, non si è chiusa nella giornata di venerdì e le prossime ore saranno fondamentali considerando che i contatti tra i partiti andranno avanti tutta la notte per arrivare ad un compromesso.

Prende sempre più piede l’ipotesi di una donna al Colle, ma tutte le possibilità sono ancora sul tavolo almeno fino a quanto non si hanno delle certezze.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Mattarella il più votato nella sesta votazione

E’ Sergio Mattarella il più votato in questa sesta votazione. Nonostante le indicazioni del Pd di votare scheda bianca, sono molti i Grandi Elettori che hanno deciso di fare il nome del presidente uscente. Sono 336 le preferenze dell’attuale Capo dello Stato seguito da Nino Di Matteo (48) e Luigi Manconi (8).

Il quorum era fissato a 505 e per questo motivo la fumata è stata nera. Ora la Camera si riunirà alle 9 di sabato 29 gennaio 2022 per provare a chiudere la partita. Capiremo se le indicazioni arrivate nelle ultime ore saranno vere oppure se ci sarà un passo indietro.

Sergio Mattarella
Sergio Mattarella

I nomi ancora in corsa

Il cerchio si stringe ancora di più e i nomi in corsa sono sei. A Draghi, Mattarella e Casini si sono aggiunti quelli di Cartabia, Belloni e Severino. Bisognerà trovare un compromesso visto che le differenze sono diverse tra i partiti e l’accordo non è ancora scontato.

Attenzione a qualche profilo a sorpresa che potrebbe uscire nelle prime ore della giornata di sabato dopo tutti i contatti tra i leader. La partita, quindi, è entrata nel vivo e molto probabilmente nelle prossime ore l’Italia potrebbe avere il nuovo presidente della Repubblica.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 28-01-2022


Quirinale, sprint finale. Incontro Letta-Conte-Salvini. Il segretario dem: “Fiducioso ma non è semplice”. Il leghista: “Lavoro per un presidente donna”

Quirinale, scoppia la ‘bomba’ Belloni. Nasce l’asse Conte-Salvini-Meloni