Salvini, Meloni e Giuseppe Conte rilanciano la candidatura di Elisabetta Belloni come Presidente della Repubblica. No di Iv, il Pd frena.

La serata del 28 gennaio è quella di Elisabetta Belloni, capo dei servizi e candidata di Movimento 5 Stelle, Lega e Fratelli d’Italia. Una strana intesa tra Giuseppe Conte, Matteo Salvini e Giorgia Meloni. Con il Movimento 5 Stelle che scopre di avere un grave problema interno. Se Grillo ha apertamente sostenuto la candidatura di Belloni, Luigi Di Maio ha accusato chi ha fatto il nome del capo dei servizi di aver esposto e bruciato in maniera incauta un nome importante.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Quirinale, nasce sull’asse Conte-Salvini-Meloni l’ipotesi Belloni Presidente della Repubblica

Dopo un primo vertice tra Conte, Salvini e Letta, il nome forte per il Quirinale è diventato quello di Elisabetta Belloni. Il profilo del capo dei servizi era stato indicato in via ufficiosa da Giorgia Meloni, è stato sostenuto da Matteo Salvini e ha trovato il via libera di Giuseppe Conte. Italia Viva, Leu e Partito democratico invece hanno tirato il freno. Mettendo evidentemente a rischio la tenuta del governo.

Matteo Salvini
Matteo Salvini

La caduta del governo

Evidentemente se M5s, Lega e Fratelli d’Italia dovessero decidere di forzare la mano, tentare di mettere ai voti il capo dei servizi dei segreti e vincere senza i voti di Leu, Pd e soprattutto Italia Viva, evidentemente il governo Draghi arriverebbe al capolinea.

Fratelli d’Italia potrebbe chiedere di forzare la mano. Non ci sono dubbi sul fatto per Giorgia Meloni ottenere le elezioni anticipate sarebbe un traguardo addirittura insperato. Le Lega durante l’esperienza del governo Draghi ha perso voti. Tanti. Andare al voto potrebbe essere vantaggioso anche per Salvini. Evidentemente il voto anticipato potrebbe fare comodo anche al Movimento 5 Stelle o almeno ad una parte del Movimento 5 Stelle. Proprio sul nome di Belloni, infatti, si è registrata una clamorosa frattura.

Mario Draghi
Mario Draghi

La spaccatura nel Movimento 5 Stelle

Conte, come detto, sostiene il nome di Belloni. Grillo ha dato il suo via libera con un tweet inequivocabile. Di Maio ha attaccato duramente chi ha fatto emergere il nome di Belloni. Quindi Conte e Grillo. Ed evidentemente i tre dovranno chiarirsi. Magari prima del voto…

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 28-01-2022


Quirinale, Mattarella il più votato nella sesta votazione. Ma per il Colle è testa a testa tra Cartabia e Belloni

Furto in casa Prestipino, i ladri hanno addormentato anche i cani e i gatti