La storia di Roberto Cazzaniga, il pallavolista truffato per più di dieci anni da una fidanzata inesistente.

Ha del clamoroso la vicenda che vede come sfortunato protagonista Roberto Cazzaniga, truffato da una fidanzata che in realtà non è mai esistita. E la vicenda è andata avanti per quindici lunghi anni. E in questi anni l’ex pallavolista della Nazionale italiana ha elargito anche una ingente somma di denaro alla fantomatica compagna.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Cazzaniga truffato per anni da una fidanzata inesistente

La vicenda inizia anni fa, quando a Cazzaniga viene presentata telefonicamente una modella brasiliana. Tra i due nasce una foto che Maya, la presunta modella, coltiva inviando delle immagini probabilmente prese dalla rete. Il pallavolista non ha mai avuto dubbi sulla reale esistenza della ragazza, con la quale ha iniziato una relazione. Una relazione telefonica, visto che i due non si sono mai incontrati. E al telefono in effetti Cazzaniga parlava con una donna. Sarda però, non brasiliana. E di nome Valeria, non Maya. La stessa donna che riceveva periodicamente una somma di denaro dal pallavolista, intenzionato ad aiutare la sua fidanzata a risolvere i suoi problemi di salute. Ovviamente oltre alla fidanzata non esistevano neanche i problemi di salute.

Guardia di Finanza
Guardia di Finanza

La denuncia e le indagini

Quello che esiste è una truffa dal valore di settecentomila euro circa, oltre ai problemi che il pallavolista ha avuto in questi anni. Cazzaniga infatti è stato costretto a indebitarsi per inviare i soldi a Maya/Valeria. Venuta alla luce la truffa, mediaticamente portata alla ribalta da le Iene, Cazzaniga è stato convinto a sporgere denuncia alla Guardia di Finanza che ha avviato un’indagine sull’accaduto.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 25-11-2021


Tutte le date del nuovo decreto: da quando entra in vigore il Super Green Pass e da quando parte la terza dose per gli over 18

Covid in Italia, ricoveri ancora in aumento. I dati della Fondazione Gimbe