Il presidente della Lazio, Claudio Lotito, è indagato dalla Procura di Roma per concorso in falso e truffa. Per lui anche un sequestro preventivo di 26 mila euro.

ROMA – La Procura di Roma ha emesso l’avviso di notifica per 197 persone che risultano indagate nel giro di multe illegalmente cancellate. Tra i nomi coinvolti in questa inchiesta diversi dipendenti del Campidoglio ma anche il presidente della Lazio, Claudio Lotito.

L’imprenditore è accusato dei reati di concorso in falso e truffa. La magistratura ha inoltre disposto per lui un sequestro preventivo di 26 mila euro. Secondo quanto scoperto dagli inquirenti, il numero uno biancoceleste avrebbe fatto risultare le auto private multate come veicoli di scorta. Per questo motivo anche la società di autonoleggio ha subito un sequestro di 800 mila euro.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Guardia di Finanza
Fonte foto: https://www.facebook.com/guardiadifinanzaindivisa

Multe cancellate illegalmente a Roma, dal 2008 al 2014 non riscossi 16 milioni di euro

L’indagine è nata negli anni scorsi dopo la denuncia di un dipendente del Comune. L’uomo ha notato delle anomalie nel dipartimento risorse economiche e per questo motivo ha chiesto alla Procura di Roma una approfondimento sulla questione. L’inchiesta ha portato alla luce una truffa di milioni di euro.

Secondo quanto scoperto dagli inquirenti, uno dei responsabili dell’ufficio comunale dal 2008 al 2014 contrassegnava come archiviate delle istruttorie che in realtà dovevano essere passate ancora all’Agenzia delle Entrate. Oltre 14 mila multe cancellate per una cifra di 16 milioni di euro.

Le indagini continueranno nei prossimi giorni per capire se altre persone sono coinvolte in questo procedimento corruttivo che avrà il suo prosieguo in Tribunale. Per quanto riguarda la prescrizione delle multe non pagate, il caso passa alla Corte dei Conti che dovrà confermare se il pagamento della cifra dovrà essere fatto oppure no.

Tra gli indagati anche Claudio Lotito che si dovrà difendere dalle accuse di concorso in falso e truffa. Nelle prossime settimane il presidente della Lazio potrebbe essere ascoltato dalla Procura per chiarire la sua posizione.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/guardiadifinanzaindivisa


Ponte Morandi, l’annuncio del commissario Bucci: pronti a tirare giù il moncone ovest

Spara contro la moglie e poi si suicida, tragedia nel Brindisino