Rosa Milan 2001/02: Terim, Ancelotti e quella semi col Dortmund…

La rosa della stagione 2001/02, caratterizzata dal cambio in panchina e dalla cavalcata in Coppa Uefa, interrotta dai tedeschi.

chiudi

Caricamento Player...

Rosa Milan 2001/02 – Non ha mai avuto un gran feeling con la Coppa Uefa, il Milan. Tuttavia, ci furono un paio di occasioni in cui i rossoneri andarono vicini alla conquista del trofeo. L’ultima nel non lontano 2002. Sedeva sulla panchina Carlo Ancelotti, subentrato nel corso della stagione al turco Fatih Terim. La squadra arrivò fino alle semifinali della manifestazione, salvo incappare in una clamorosa sconfitta in semifinale contro il Borussia Dortmund di Marcio Amoroso per 4-0. Al ritorno i rossoneri vinsero per 3-1, ma non bastò. In campionato fu quella la stagione del ritorno alle posizioni valide per l’accesso in Champions. Grazie all’arrivo di Ancelotti, i rossoneri si qualificarono per i preliminari (che daranno il via a una delle cavalcate europee più importanti della storia del club). In Coppa Italia la sconfitta arrivò in semifinale contro la Juventus. Fu insomma una stagione di alti e bassi, divenuta più positiva che negativa dopo il cambio in panchina, avvenuto dopo la sconfitta del 4 novembre a Torino contro la squadra granata. Una sconfitta che si rivelerà nel lungo termine uno degli episodi meno amari della storia rossonera, visto che darà l’avvio all’era di Ancelotti, tra le più vincenti del club.

Rosa Milan 2001/02

Portieri: Sebastiano Rossi, Valerio Fiori, Christian Abbiati.

Difensori: Thomas Helveg, Paolo Maldini (capitano), Alessandro Costacurta (vice capitano), Kakhaber Kaladze, José Chamot, Mohamed Sarr, Cosmin Contra, Martin Laursen, Roque Junior, Francesco Coco, Claiton.

Centrocampisti: Demetrio Albertini, Gennaro Gattuso, Rui Costa, Massimo Donati, Andrea Pirlo, Massimo Ambrosini, Serginho, Fernando Redondo, Cristian Brocchi, Ibrahim Ba, Umit Davala, Marco Donadel, Catilina Aubameyang.

Attaccanti: Andryi Shevchenko, Filippo Inzaghi, José Mari, Javi Moreno, Vitali Kutuzov, Marco Simone.