Carlos Sainz a Gazzetta Motori Days: “Per me è un’occasione per guidare una macchina velocissima”.

MILANO – Carlos Sainz protagonista di Gazzetta Motori Days. Il pilota spagnolo si è soffermato sul significato di essere pilota Ferrari. “E’ una emozione indescrivibile – ha detto l’ex McLaren – hai una responsabile gigante perché guidi per milioni di tifosi e non solo per te […]. Poi ogni bambino ha avuto in mano una macchina rossa ed essere al volante di questa monoposto ti permette realizzare un sogno”.

Un inizio che per lo spagnolo è stato dedicato solo al lavoro: “Ho girato molto poco. Solitamente trascorro molto tempo a Maranello tra simulatore e riunioni con gli ingegneri. Poi nel weekend ritorno a Madrid”.

Obiettivo Mondiale

Per Sainz nel mirino c’è il Mondiale. “Spero di poter lottare presto per il titolo – ha detto lo spagnolo – ho scelto la Ferrari anche per questo. Non ci sono tante squadre che hanno possibilità e capacità di reazione simile alla scuderia di Maranello“.

Un lavoro in casa Ferrari che guarda al futuro. Come ammette anche lo stesso iberico: “Quest’anno stiamo dimostrando di essere più veloci. Ora ci serve un po’ di tempo, vogliamo costruire una squadra vincente, magari non subito ma anche quelli dopo. Aspettiamo di vedere cosa succede con il nuovo regolamento. Stiamo lavorando per essere competitivi nel 2022. Ma dobbiamo capire anche il livello degli avversari“.

Carlos Sainz
Carlos Sainz

Il messaggio ai tifosi

Sainz ha voluto mandare un messaggio anche ai tifosi: “A loro posso dire di avere pazienza. Per noi il 2021 è un anno di ricostruzione della squadra e della confidenza in ottica 2022. Sono certo che stiamo costruendo una squadra molto forte per il futuro e siamo molto carichi per raggiungere i nostri obiettivi“.

La strada intrapresa sembra essere quella giusta e nelle prossime settimane ci potrebbero essere ulteriori indicazioni in ottica 2022 per la scuderia di Maranello.


Leclerc sul GP di Monaco: “Fa ancora male”

Accordo Governo-Ue su Alitalia, dimezzati flotta e personale