Con una lettera inviata a collaboratori e dirigenti, Salvatore Rossi ha fatto sapere di non essere disponibile per un secondo mandato da direttore generale di Bankitalia. Lascerà anche la dirigenza dell’Ivass.

Con una lettera inviata ai propri collaboratori e ai propri colleghi, Salvatore Rossi, direttore generale della Banca d’Italia e presidente dell’Ivass, ha fatto sapere di non essere disponibile per un secondo mandato e lascerà entrambi gli incarichi al momento della scadenza naturale degli stessi.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Salvatore Rossi lascia Bankitalia e Ivass

La notizia ha sorpreso sia Bankitalia che l’Istituto di vigilanza delle assicurazioni, da cui emerge un certo disorientamento per una decisione considerata a sorpresa e difficile da prevedere. A pochi mesi dalla scadenza del mandato molti avevano iniziato a parlare di una riconferma di Rossi nelle sue cariche.

Bankitalia
fonte foto https://www.facebook.com/barbara.morgan.754703

Dopo quarantatré anni trascorsi all’interno della Banca d’Italia, Salvatore Rossi ha deciso di fare un passo indietro. Il motivo, come si legge nella lettera ai colleghi e ai collaboratori, èassicurare la funzionalità dei due istituti.

La lettera di Salvatore Rossi: Sono stati sette anni molto belli nonostante le difficoltà

“Per assicurare la funzionalità dei due istituti uscirò formalmente solo dopo che sia stato completato l’iter della mia sostituzione e comunque entro il 9 maggio, scadenza naturale del mio mandato.

Mi sono adoperato per far sì che la Banca d’Italia mantenesse la sua natura di istituzione al servizio dell’interesse pubblico, ma che cambiasse quando e dove necessario e che l’Ivass compiesse la transizione rispetto all’assetto precedente e si rilanciasse all’esterno”

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 19-03-2019


Il premier Conte: Italia-Cina accordo non vincolante. Su migranti no a strumentalizzazioni

Dai rider agli esodati, gli esclusi del Decretone