Salvini mette le cose in chiaro con la Chiesa: Non ho la lebbra né la peste

Salvini risponde al cardinal Parolin: “È giusto dialogare anche con me? Lo ringrazio ma non penso di avere la peste né la lebbra”.

ROMA – Matteo Salvini risponde al cardinale Parolin e lo fa con un video pubblicato sulla propria pagina Facebook. Lo scontro tra lo Stato e la Chiesa continua ad agitare la vita politica italiana.

Il contrasto tra la Chiesa e Matteo Salvini

Il Vaticano continua a condannare la strategia della Lega sui migranti e gli atteggiamenti del Ministro dell’Interno, il quale in più di un’occasione ha fatto ricorso ai simboli religiosi per legittimare il proprio operato e il proprio consenso.

L’apertura del cardinal Parolin

L’ultimo messaggio a Salvini era arrivato dal segretario di Stato del Vaticano Parolin, il quale aveva detto di essere disposto a parlare anche con il leader della Lega, in quanto proprio con chi la pensa diversamente bisogna avere un confronto diretto.

Matteo Salvini
Fonte foto: https://www.facebook.com/salviniofficial

La risposta di Matteo Salvini a Parolin: Non penso di avere né la lebbra né la peste

La concessione di Parolin non ha fatto particolarmente piacere al leader della Lega, che con un video sulla propria pagina Facebook ha voluto mettere le cose in chiaro.

“Il cardinale Parolin ha detto che è giusto dialogare con tutti, anche con Salvini. Lo ringrazio, ma non penso di avere né la peste né la lebbra. Nessuno è padrone della testa, del cuore, men che meno del voto del prossimo […]. Penso al cardinale di Mazara del Vallo, che in campagna elettorale disse: ‘chi vota la Lega non è cristiano ‘ o all’ex direttore di un giornale cattolico che oggi ha scritto che: ‘l’Italia non è più cristiana, è leghista’, come se fosse in antitesi credere in Dio e credere nel rispetto delle regole”.

ultimo aggiornamento: 30-05-2019

X