Scherma, Lipsia 2017: il Dream Team è oro. Gli sciabolatori conquistano il bronzo

Si apre con due medaglie la prima giornata delle prove a squadre sulla pedana di Lipsia ai Mondiali di scherma. Il resoconto della giornata.

chiudi

Caricamento Player...

La prima giornata delle prove a squadre ai Mondiali di scherma a Lipsia si apre con una doppia medaglia. Il “new Dream Team” conquista per la quarta volta in cinque anni il titolo nel fioretto femminile. Grande prova per il quartetto azzurro formato dall’argento mondiale Alice Volpi, il bronzo Arianna Errigo, Camilla Mancini e Martina Batini che hanno superato ai quarti il Giappone (45-25), in semifinale la Germania (45-34) mentre nella finalissima sono riusciti ad avere la meglio sulla sorpresa Stati Uniti con il punteggio di 45-25. Da segnalare che le americane nella sfida precedente aveva vinto contro le grandi favorite della Russia.

Gli sciabolatori conquistano il bronzo nella prova a squadre

Dopo la delusione individuale, nella prova a squadre gli sciabolatori riescono a conquistare il bronzo. Il cammino del quartetto azzurro composto da Dario Cavaliere – sostituto di Aldo Montano – Enrico Berrè, Luca Curatoli e Luigi Samele è iniziato con la vittoria contro la Francia (45-30) ma in semifinale l’Ungheria all’ultima stoccata spegne il sogno degli azzurri che salgono sul podio dopo aver battuto gli Stati Uniti per 45-40. “Il bronzo – dichiarano a caldo – lo dedichiamo a chi non credeva in questa squadra ed anche ad Aldo Montano, il nostro capitano che non è stato in pedana con noi, ma che ha scelto di rimanere qui perché una squadra è una squadra sempre! Potevamo ambire ad una medaglia diversa ma è pur sempre un podio iridato. Adesso tocca a noi lavorare per migliorare il prossimo anno“.