Confermato lo sciopero di quarantotto ore della Ryanair per il 22 agosto. Le informazioni utili per i viaggiatori e i voli a rischio della compagnia low cost.

È stato confermato lo sciopero della Ryanair per il 22 e il 23 agosto. La compagnia low cost non è riuscita a raggiungere un accordo con i sindacati per revocare lo stop, e i dipendenti della società di voli irlandese incroceranno le braccia per quarantotto ore. Con evidenti problemi per le persone di ritorno dalle vacanze e per gli ultimi partenti.

Green Pass e Super Green Pass, tutte le regole dal 10 gennaio

Le motivazioni dello sciopero

Lo sciopero è stato indetto per protesta contro alcune condizioni di lavoro considerate inaccettabili. Nel mirino dei sindacati ci sono il trattamento economico e il calcolo delle pensioni, ma anche i benefici per i dipendenti che usufruiscono del periodo di maternità o paternità.

Ryanair
Fontefoto: https://www.facebook.com/ryanair

Ryanair, lo sciopero del 22 agosto: i voli a rischio e quelli cancellati

I voli a rischio e quelli che saranno definitivamente cancellati sono quelli affidati ai piloti che appartengono ai sindacati che hanno indetto lo sciopero. Secondo i dati a disposizione si tratterebbe di più del 25% dei comandanti e dei primi ufficiali impiegati nella compagnia di volo.

Le zone particolarmente a rischio sono Inghilterra e Irlanda. Qui si trovano le sigle sindacali promotrici della protesta e partire dagli aeroporti di questo paese potrebbe essere complicato.

I disagi potrebbero arrivare ad interessare anche la Spagna e il Portogallo, mentre non dovrebbero esserci problemi per i voli in partenza dall’Italia.

Tutte le informazioni aggiornate in tempo reale saranno a disposizione sul sito ufficiale della Ryanair.

Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per seguire News Mondo su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 21-08-2019


Firenze si trasforma nel Far West, maxi rissa in strada (VIDEO)

Morto Giovanni Buttarelli, Garante della privacy Ue