Ad una svolta le indagini sulla scomparsa di Denise Pipitone?

ROMA – Torna alla ribalta il caso della scomparsa di Denise Pipitone. La mamma Piera dal 2004 non ha mai perso la speranza di ritrovare la sua bambina ed ora una flebile speranza arriva addirittura dalla Russia.

Una ragazza, molto somigliante alla donna, è andata in televisione in Russia per raccontare la sua storia. La ragazza, rapita, cerca sua madre.

Sciarelli (Chi l’ha visto): “Speriamo bene”

Il caso è stato ripreso anche da Federica Sciarelli e la sua trasmissione Chi l’ha visto. “Noi stiamo con i piedi per terra – ha ammesso la conduttrice all’Ansaanche perché in questi anni se ne sono viste tante. Le coincidenze temporali ci sono e anche una somiglianza con la madre. La bambina ‘russa’ venne trovata in un campo nel 2005 e, non sapendo chi sia la sua vera madre, è andata in una trasmissione tv russa per mostrare il volto e lanciare un appello alla vera famiglia. Ora vano fatte tutte le verifiche del caso: occorre avere pazienza ed essere scrupolosi“.

Polizia
Polizia

Piera Maggio attesa in Russia

Massima cautela da parte di Piera Maggio. La donna è attesa, insieme al suo legale, in Russia per effettuare tutti gli accertamenti del caso. Il viaggio dovrebbe avvenire nei prossimi giorni dopo l’iter di autorizzazione da parte del ministero degli Esteri russo. Anche la Farnesina potrebbe entrare in campo in prima persona per aiutare di sbrigare tutte le pratiche.

Attendiamo l’esame del Dna, siamo speranzosi“, le poche parole da parte della mamma di Denise tramite il suo avvocato e riportate da La Repubblica. Sono passati quasi vent’anni dalla scomparsa della bambina di Mazara del Vallo e la madre è stata forse tra le poche persone a non aver mai perso la speranza.


Coronavirus, la variante inglese in quasi il 90 per cento dei casi: la zona Gialla non è efficace

Decreto aprile, allentamento delle misure se pochi contagi