Salvini incontra le parti sociali per discutere della manovra, Giuseppe Conte attacca: “Si entra nel terreno della scorrettezza istituzionale, i tempi li decide il premier”.

Scontro tra Matteo Salvini e Giuseppe Conte, il premier all’attacco del leader della Lega. Come previsto e anticipato, l’incontro del vicepremier leghista con le parti sociali per discutere della manovra ha avuto gravi ripercussioni sulla stabilità del governo.

Matteo Salvini
Fonte foto: https://www.facebook.com/salviniofficial

Green Pass e Super Green Pass, tutte le regole dal 10 gennaio

Scontro Conte-Salvini sulla manovra. Il premier: “I tempi li decide il Presidente del Consiglio”

Matteo Salvini ha parlato delle sue proposte per la manovra, poi ha suggerito i tempi e i modi da seguire. E la faccenda non ha fatto piacere al premier Giuseppe Conte, che ha voluto mettere le cose in chiaro con una nota pubblica.

“Se oggi qualcuno pensa che non solo si raccolgono istanze da parte delle parti sociali ma anticipa dettagli di quella che ritiene che debba essere la manovra economica, si entra sul terreno della scorrettezza istituzionale […]. La manovra economica viene fatta qui dal presidente del Consiglio con il ministro dell’Economia, con tutti gli altri ministri interessati”.

Non si fa altrove – prosegue Conte -, non si fa oggi e i tempi, tengo a precisarlo, li decide il presidente del consiglio, sentiti gli altrui ministri in primis il ministro dell’economia. I tempi non li decidono altri”.

Giuseppe Conte
Roma 25/05/2018 – consultazioni Quirinale / foto Samantha Zucchi/Insidefoto/Image nella foto: Giuseppe Conte

Matteo Salvini alle parti sociali: Vogliamo che la manovra sia molto anticipata

Nel corso dell’incontro al Viminale con le parti sociali, Matteo Salvini ha fatto il punto sulle proposte della Lega per la prossima manovra economica.

“Vogliamo che la manovra economica sia molto anticipata, vogliamo definirne i punti tra luglio e agosto e vogliamo raccogliere i vostri suggerimenti […]. Vorremmo che alla riapertura dei lavori parlamentari fosse già in discussione la manovra. Se serve si lavora a luglio e agosto”.

“Abbiamo esposto i progetti della Lega per la prossima manovra che ruotano su due punti, un forte taglio tasse per famiglie e lavoratori dipendenti e la prosecuzione della riduzione degli oneri fiscali e burocratici per le imprese”.

Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per seguire News Mondo su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 16-07-2019


Fondi russi alla Lega, Savoini ascoltato dai magistrati

Salvini contro tutti: Conte e Di Maio lo scaricano, il Pd vuole le dimissioni