Codice della Strada, la durata del semaforo giallo di tre secondi non convince molti esperti del settore.

Fa discutere la modifica del Codice della Strada che porterà la durata del semaforo giallo a 3 secondi, una soluzione che va ad aumentare il rischio di infrazioni, e quindi di multe, e che non rappresenta una svolta significativa per quanto riguarda il comportamento in strada degli automobilisti.

Semaforo giallo di 3 secondi, aumentano i rischi di prendere multe per attraversamento con il rosso

Secondo le analisi dell’ACI, procedendo a 50 chilometri orari servono ventisei metri per completare l’operazione di frenata. Ovviamente in sicurezza. E in condizioni di strada asciutta. Con l’asfalto bagnato servono altri quattordici metri. Misure che sembrano incompatibili con la decisione di ridurre a tre secondi la durata del giallo del semaforo. Aumentano in maniera esponenziale i rischi di prendere multe per il passaggio del semaforo con il rosso.

Esiste inoltre un altro tema che lascia perplessi gli esperti. Omologare tutti i semafori non sembra una decisione particolarmente lungimirante o indovinata. Si tratterebbe secondo i critici di una semplificazione pericolosa se non addirittura controproducente.

Vigili
Vigili

E potrebbero aumentare anche gli incidenti…

Con la durata del giallo a tre secondi si rischia di spingere gli automobilisti a frenare in maniera imprudente per non bruciare il rosso, come si dice in gergo. Ma il rischio concreto è quello di andare a causare tamponamenti altrimenti evitabili senza correre rischi.

Insomma, il rischio concreto è che la modifica dei tempi della durata del giallo possa avere effetti controproducenti spingendo a compiere manovre rischiose anche automobilisti che procedono nel rispetto dei limiti di velocità ma che si ritroveranno a fare i conti con i fatidici tre secondi.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
codice della strada motori News

ultimo aggiornamento: 27-09-2020


MotoGP, Morbidelli in pole position a Barcellona. Quartararo e Rossi in prima fila

MotoGP, a Barcellona successo di Quartararo