Il 4 dicembre 1963 nasce Sergej Bubka. E’ stato il miglior interprete del salto con l’asta, stabilendo per 35 volte il record mondiale.

Sergej Bubka compie 57 anni. L’ex atleta dell’Unione Sovietica e dell’Ucraina è infatti nato il 4 dicembre 1963.

Carriera leggendaria

In carriera è stato campione olimpico del salto con l’asta a Seul 1988 e per sei volte consecutive campione mondiale (dal 1983 al 1997). Ha stabilito per 35 volte il record mondiale della specialità (17 outdoor e 18 indoor); fino al 15 febbraio 2014 è stato il detentore del record mondiale indoor con 6,15 metri, superato prima dal francese Renaud Lavillenie con 6,16 e successivamente dallo svedese Armand Duplantis con 6,17 e 6,18; è rimasto detentore del record mondiale outdoor con 6,14 fino al 17 settembre 2020, superato dai 6,15 saltati dallo stesso Duplantis al Golden Gala di Roma.

L’inizio di carriera

Nasce il giorno 4 dicembre 1963 a Luhansk, nella zona sud-orientale dell’Ucraina. Inizia a dedicarsi all’atletica leggera provando per la prima volta il salto con l’asta alla tenera età di nove anni. Nel 1978, quindicenne, Bubka si trasferisce a Donetsk con l’allenatore Vitalij Petrov.
Il mondo dell’atletica internazionale fa la sua conoscenza nel 1983 quando vinse ai Mondiali di Helsinki con la misura di 5,70.

https://www.youtube.com/watch?v=CONRYjbGf_E&ab_channel=LucioCellettiarcheosporttelesciando

Sergej Bubka, record e successi

Negli anni seguenti Bubka stabilì dei nuovi standard per il salto con l’asta. Oltrepassò i 6 metri, primo astista di tutti i tempi, il 13 luglio 1985 a Parigi. Nel 1988 Bubka salta a Nizza superando l’asticella posta a 6,06 metri d’altezza. Poche settimane dopo vola ai Giochi Olimpici di Seul: l’aspettativa sua e di tutti è quella di poter superare l’incredibile soglia dei 6,10 metri. L’ucraino non raggiunge l’obiettivo ma vince la medaglia d’oro con la misura di 5,90 metri. Il 1992 è un anno che ricorda Sergej Bubka fuori dal podio: sorprendentemente alle Olimpiadi di Barcellona sbaglia per due volte la misura di 5,70. Allarmato, Bubka si riserva il terzo tentativo a 5,75 ma sbaglia ancora, senza poter entrare in gara.
In Italia al Sestriere, il 31 luglio 1994, dopo che alcuni esperti del settore avevano già predetto il declino di re Bubka, l’ucraino stabilisce il record del mondo di 6,14 metri, battuto solamente vent’anni dopo dal francese Lavillanie. Nel 1996 si qualifica per i Giochi Olimpici di Atlanta (USA), ma sfortunatamente un infortunio occorso poco prima, gli impedisce di partecipare.

Vaccino Covid, quando farlo, come prenotarsi e da chi saremo chiamati

TAG:
salto con l'asta Sergej Bubka ucraina Unione Sovietica

ultimo aggiornamento: 04-12-2020


Marquez, terza operazione al braccio. Lo spagnolo non tornerà prima di maggio 2021

Nelson Mandela, simbolo della lotta all’apartheid e presidente del Sudafrica