Terrà luogo domani, alle ore 18.30, il sorteggio del nuovo calendario di Serie A, per la stagione 2021/2022. Ecco cosa bisogna sapere.

Archiviati gli Europei, ci si rituffa sul campionato. La Lega di Serie A ha comunicato che nella giornata di domani, alle ore 18.30, sarà presentato il calendario 2021/22. I turni che daranno forma alla prossima stagione saranno svelati in diretta su Dazn (che trasmetterà sette dei dieci incontri di ciascuna giornata), nonché sul canale YouTube e gli account social ufficiali della Lega.

Serie A: gironi speculari

Inoltre, sono stati specificati i criteri che condurranno alla delineazione del calendario, con la novità delle partite del girone di ritorno in ordine inverso, sia come sequenza, sia in termini di inclusione all’interno di una giornata, in confronto all’andata. Tra i criteri stabiliti, non potranno essere programmate le stracittadine nella prima e nell’ultima giornata, con i derby che dovranno tener luogo in turni differenti.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Serie A
Serie A

I vincoli contemplano, peraltro, il divieto dei big match (tra Inter, Milan, Atalanta, Juventus, Napoli, Roma e Lazio, in aggiunta ai derby di Roma, Milano, Torino e Genova e quelli toscano e campano) nelle infrasettimanali. A ogni modo, non finisce qui. Difatti, è vietato ripetere gli stessi incontri già disputati alla prima e all’ultima giornata negli ultimi tornei di Sere A e quelli dopo un appuntamento europeo tra le compagini che rappresentano l’Italia nelle manifestazioni continentali.

Il regolamento del sorteggio

Infine, occorrerà l’alternanza Fiorentina-Empoli e Napoli-Salernitana per le partite in casa, mentre Juventus, Inter e Milan dovranno, invece, disputare lontani dal rispettivo impianto la settima giornata di andata, per concomitanza con le semifinali della Uefa Nations League, Italia-Spagna e Francia-Belgio.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

TAG:
calcio news

ultimo aggiornamento: 13-07-2021


Euro 2020, la formazione ideale secondo la Uefa: ben cinque gli italiani

Mancini, Costacurta: “Sa scegliere e valorizzare il talento”