Sampdoria-Milan, rossoneri bocciati: Vincenzo Montella torna a riflettere…

Doveva essere la partita in cui tutti avremmo voluto vedere il famoso salto di qualità da parte dei rossoneri, e invece come già successo nella gara contro la Lazio in Sampdoria-Milan la squadra di Vincenzo Montella ha mostrato il suo volto peggiore, quello che si sperava superato (o almeno migliorato) dopo la faraonica campagna acquisti di questa estate. Grande con le piccole e in difficoltà con le medie, il Diavolo esce con le ossa rotte e il morale a terra dalla sfida contro i doriani, autori di una prestazione di livello assoluto.

Suso
Suso

Sampdoria-Milan, Vincenzo Montella sul banco degli imputati

Poche, a essere generosi, le note positive, tante, troppe invece quelle negative di un Milan inibito per novanta minuti più recupero. Tra le note negative Giacomo Bonaventura e Suso, gli unici due intoccabili della scorsa stagione oggi sostituiti impietosamente subito dopo il vantaggio blu-cerchiato siglato da Duvan Zapata grazie a un ghiotto regalo del cugino, quel Zapata rossonero che ha tenuto in panchina Musacchio. Resta da capire a questo punto il motivo di una prestazione cosiì insufficiente da parte di Jack e Suso? Fuori condizione? Fuori dal gioco? O semplicemente fuori posizione in un 3-5-2 che, inutile nasconderlo, li penalizzano? A questo punto si dovrebbe vedere la personalità di un allenatore che invece al momento resta diviso tra le poche certezze del recente passato e la necessità di cambiare.

Insomma, il quesito resta valido: bocciati Suso e Bonaventura o bocciato Vincenzo Montella?

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
calcio copertina milan sampdoria milan

ultimo aggiornamento: 24-09-2017


Serie A TIM – Sampdoria-Milan live: finisce al Ferraris, 2-0 e bufera su Vincenzo Montella

Sampdoria-Milan, Montella: “Non si salva nessuno. Dobbiamo cambiare il trend”