I corpi privi di vita di Sofia e Francesco, 19 e 20 anni, sono stati ritrovati dopo due giorni di ricerche. Ritrovata anche l’automobile.

Le ricerche di Sofia e Francesco sono scattate nella giornata di martedì 19 ottobre. Sofia Mancini, 19enne di Verona, ed il pizzaiolo Francesco D’Aversa, 20enne, erano spariti del nulla dopo aver trascorso una serata nella discoteca “Amen”, alle Torricelle.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Le ricerche

Subito sono scattate le ricerche per ritrovare i due, che si sarebbero allontanati dal locale a bordo di una Fiat 500 bianca targata 1AY4101 (Repubblica Ceca). Le forze dell’ordine hanno attivato le ricerche dei due giovani durante la notte di martedì. Al lavoro le squadre dei vigili del fuoco e numerosi volontari accorsi per aiutare nelle ricerche.

Per sorvolare meglio la zona, le forze dell’ordine hanno anche impiegato un elicottero Drago 149. Dopo due giorni di estenuanti ricerche, oggi arriva la brutta notizia: i due giovani di 19 e 20 anni sono stati ritrovati privi di vita.

Il ritrovamento dei due cadaveri

Il ritrovamento è avvenuto stamattina, giovedì 20 ottobre. L’automobile su cui i due si erano spostati è stata rinvenuta a bordo strada. Con molta probabilità, in base alle condizioni in cui si trovava il mezzo al momento del ritrovamento, i due sarebbero stati vittima di un incidente stradale.

Polizia

Durante le operazioni di ricerca, gli inquirenti avevano agganciato le celle dei loro cellulari in provincia di Brescia e in provincia di Verona. Da lì in poi più nessuna traccia: i telefoni cellulari dei due giovani risultavano spenti.

Sofia e Francesco si conoscevano da qualche giorno, e si sarebbero dati appuntamento in discoteca per incontrarsi. Finita la serata, sono saliti a bordo dell’auto, probabilmente per fare rientro a casa. Poi il nulla. Ad oggi, la tragica notizia: purtroppo Francesco e Sofia non ce l’hanno fatta.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

giallo

ultimo aggiornamento: 20-10-2022


Rapina in casa Hernandez, presenti la compagna e il figlio

Davide Ferrerio, il 20enne in coma per uno “scambio di persona”