Terzo posto per Sofia Goggia nella discesa di Crans Montana. Meglio di lei hanno fatto solo Nufer e Ledecka.

CRANS MONTANA (SVIZZERA) – Dopo la piccola delusione della giornata di sabato, Sofia Goggia è riuscita a salire sul podio nella seconda discesa di Crans Montana. Le sue condizioni fisiche ancora non sono ottimali e il terzo posto ottenuto in Svizzera le potrebbe consentire di affrontare con maggiore tranquillità le finali in programma nelle prossime settimane.

Meglio di lei hanno fatto solamente Nufer e Ledecka. L’atleta di casa è andata a conquistare il suo primo successo in carriera e soprattutto a soffiare la seconda vittoria consecutiva alla ceca.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Brignone ad un soffio dal podio

E’ stata una discesa sicuramente molto equilibrata quella di Crans Montana. Nufer è riuscita a conquistare la vittoria con 11 centesimi di vantaggio su Ledecka e 23 su Goggia. Ma in mezzo secondo abbiamo ben nove atlete e tra loro anche Federica Brignone.

La valdostana ha terminato la sua gara in settima posizione e a 10 centesimi dal terzo gradino del podio. Sicuramente una bella prova per lei che le permette di affrontare con maggiore tranquillità i prossimi Super G. Fuori dalle dieci invece Elena Curtoni e Nadia Delago. Qualche rammarico per Nicol, uscita dopo il primo intermedio dove era in vantaggio.

Italia
Italia

Sofia Goggia sempre più vicina alla coppa di specialità

Sofia Goggia è sempre più vicina alla coppa di specialità. Il vantaggio su Suter è di oltre 70 punti ad una gara dalla fine e basterà alla bergamasca non sbagliare alle finali per portare a casa il trofeo. E’ ormai una lotta a due visto che la terza è ufficialmente fuori dai giochi.

Per quanto riguarda la classifica generale, la lotta per il terzo posto sembra essere tutta italiana con Goggia e Brignone protagoniste. Davanti Vlhova sembra avere qualcosa in più rispetto alla Shiffrin in questo momento.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 27-02-2022


Formula 1, le reazioni alla guerra in Ucraina

Guerra in Ucraina, le conseguenze sullo sport: l’Adidas sospende la collaborazione con la Federcalcio russa