Delle truppe dell’esercito russo hanno distrutto una scuola ucraina, ma hanno lasciato un messaggio che farà discutere.

Una scuola ucraina è stata distrutta dai soldati russi. Questa triste notizia non sembrerebbe una novità, considerando la triste situazione del conflitto attualmente in corso in Ucraina. Eppure, la peculiarità di questo assalto alla scuola di Katyuzhanka, una piccola cittadina a nord di Kiev, è nel messaggio lasciato dai soldati russi su una lavagna dell’Istituto colpito.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Il messaggio dei soldati russi

Bambini, ci scusiamo per un tale casino, abbiamo cercato di salvare la scuola, ma ci sono stati dei bombardamenti. Vivete in pace, prendetevi cura di voi stessi e non ripetete gli errori dei vostri anziani. L’Ucraina e la Russia sono un solo popolo!!! La pace sia con voi, fratelli e sorelle!. Il messaggio, scritto in russo, si trovava su una delle molte lavagne presenti nell’Istituto. “Siamo per la pace nel mondo intero”, c’era inoltre scritto sulla lavagna. E ancora: “Siate onesti gli uni con gli altri, aiutate le persone che ne hanno bisogno. Speriamo di tornare ad essere amici! Diventate medici, ingegneri, insegnanti: coloro che portano la pace!”.

soldato russo
Soldato russo

Il commento del preside

È stato il preside dell’Istituto, Mikola Mikitchik, a raccontare la vicenda alla televisione americana, pur non potendo verificare se fossero stati effettivamente i militari russi a mandare questo messaggio di pace. Eppure, Mikitchik non ha apprezzato, dicendosi disgustato del gesto. Hanno scritto ‘Russi e ucraini sono fratelli’ e allo stesso tempo hanno derubato la scuola… hanno rovinato i computer, hanno tirato fuori i dischi rigidi, hanno portato via laptop, stampanti, non hanno lasciato niente a scuola! È barbarie e ipocrisia, ha commentato Mikitchik.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

Guerra in Ucraina

ultimo aggiornamento: 09-06-2022


Verducci: “Il diritto all’inclusione digitale è fondamentale”

Andreoni: “Mascherine al chiuso anche dopo il 15 giugno”