Come procedere con la sostituzione del parabrezza dell’auto: cosa prevede, i costi e come fare per risparmiare. Scopriamo cosa c’è da sapere!

Può capitare che sul parabrezza dell’auto ci sia una crepa, o anche un piccolo danno, che però non è da prendere sotto gamba in virtù della sicurezza alla guida. Infatti bisogna valutare fin da subito la gravità del danno se il vetro si scheggia o c’è qualche piccola crepa. Ovviamente in questi casi, sebbene ci sia un tempo di tolleranza, legato al danno, è bene procedere con la sostituzione del parabrezza. Ecco come procedere, chiaramente rivolgendosi a uno specialista, i costi e come fare per risparmiare.

Sostituzione cristalli auto: come fare e a chi rivolgersi

Prendiamo in esempio due casi, ovvero quando il parabrezza si può riparare perché il danno è leggero, e quando è necessario sostituirlo. Nel primo caso bisogna valutare attentamente l’entità del danno.

Da questo punto di vista, esistono dei parametri da prendere in considerazione: le dimensioni della scheggiatura del vetro (il diametro non deve essere superiore a una moneta da due euro, ovvero 25 mm); non deve essere a più di 60 mm dal bordo del parabrezza; se la rottura ha avuto luogo all’esterno della zona di visibilità del conducente, cioè nella zona di 30 cm la cui metà corrisponde al centro del volante.

In tutti gli altri casi – la nostra seconda opzione – bisogna optare per la sostituzione, con costi maggiori. In ogni situazione bisogna rivolgersi ad esperti e a professionisti dei vetri dell’auto. Questi ultimi per riparare il danno si servono di una particolare resina, alle volte indurita anche dai raggi UV, per colmare la superficie interessata dal danno.

Vetro per parabrezza
Fonte immagine: https://pixabay.com/it/photos/tergicristallo-scudo-di-vento-2870283/

Sostituzione vetro dell’auto: i costi

Per quanto riguarda la riparazione del vetro auto, i costi legati al lavoro di esperti qualificati e decisamente inferiore rispetto a una sostituzione completa. Il prezzo può variare dalla grandezza della scheggiatura e dall’entità del danno, ma si aggira sui 60, 70 euro fino ad arrivare a 200 in base alla gravità della situazione e all’uso del materiale per la riparazione.

Invece per sostituire il parabrezza, i costi lievitano, anche perché il costo del materiale e del pezzo di ricambio (che può essere laminato o temprato) è molto maggiore. I prezzi vanno da qualche centinaia di euro fino a superare i 1000. Dipende sempre dal tipo di vetro utilizzato e dai professionisti a cui ci si rivolge.

In entrambi i casi, e se si vuole essere tutelati per non incorrere in pagamenti troppo alti, è consigliabile contrarre una polizza assicurativa dedicata: l’assicurazione Cristalli, che copre i costi di riparazione sopra elencati.

Come evitare il cambio del parabrezza auto e problemi ai vetri

Un danno al parabrezza può capitare a tutti i guidatori, ma ci sono piccoli accorgimenti che è bene seguire, come per esempio mantenere le distanze di sicurezza con gli altri veicoli mentre si è alla guida, o anche tenere sotto controllo il meteo: non si può mai sapere quando ci potrebbe essere una grandinata, e se l’auto è ferma in strada, parcheggiata, bisogna coprirla con un telone copriauto che assicura protezione contro questo fenomeno atmosferico.

Le legge, in particolare il Codice della Strada, dice che la circolazione dei veicoli con il parabrezza rotto o scheggiato è vietata. L’articolo 79 comma 1 prescrive che il mezzo deve essere “in condizioni di massima efficienza” per dare un senso di sicurezza sia al guidatore che agli altri veicoli che circolano. Se non si procede in tempi brevi con la riparazione o la sostituzione del parabrezza si può incorrere in multe, che variano a seconda della strada che si percorre: per una strada normale la multa è di 76 euro, mentre in autostrada è superiore, ovvero di 106 euro e la decurtazione di due punti sulla patente di guida.

In questo senso è bene svolgere una revisione periodica del mezzo e seguire i termini di legge per quanto riguarda il tagliando del mezzo.

Fonte immagine: https://pixabay.com/it/photos/tergicristallo-scudo-di-vento-2870283/


Dakar, nelle moto si ritira Cornejo. Vittorie di Brabec e e Al Rajhi nella decima tappa

Coronavirus, decreto gennaio approvato in Cdm: restrizioni fino a marzo. Prorogato lo stato di emergenza