Roma, confessano i due ragazzi sospettati di aver sparato a Manuel Bortuzzo.

ROMA – Nuova svolta nel caso Manuel Bortuzzo. Dopo il ritrovamento di una pistola nell’area dell’aggressione, gli inquirenti hanno interrogato due sospettati che hanno confessato dopo essersi recati in questura con i propri legali.

A confessare sono stati due giovani, uno di ventiquattro e uno di venticinque anni. I due hanno fatto sapere di aver sparato per errore.

Manuelmateo Bortuzzo
fonte foto https://www.facebook.com/manuelmateo.bortuzzo

Green Pass obbligatorio, tutte le regole da rispettare

Manuel Bortuzzo ha saputo delle sue condizioni. Il papà: “Ha reagito bene”

Migliora il quadro clinico di Manuel Bortuzzo. Come confermato dal padre ai giornalisti presenti fuori dall’ospedale, il ragazzo ha ripreso a respirare in modo autonomo. Dopo le dimissioni previste nelle prossime ore verrà trasferito in un centro specializzato per cominciare il suo recupero. Informato delle sue condizioni, il diciottenne ha reagito bene: “Fatti coraggio mamma, ora per me inizia un altro allenamento“. E ha voluto mandare un messaggio anche ai compagni di squadra: “Quando torno vi faccio un c*** così”.

Manuel Bortuzzo, impronte sulla pistola. Confessano i due sospettati

In attesa di capire se quella rinvenuta dagli inquirenti sia in effetti la pistola con la quale hanno sparato a Manuel, le ultime indiscrezioni fanno sapere che sull’arma sarebbe stata trovata un’impronta. Gli investigatori hanno interrogato due sospettati che hanno confessato.

Individuati dunque i due aggressori del giovane nuotatore, che dovranno ora fare luce sulla dinamica e sulle cause che hanno portato alla sparatoria.

Polizia
Fonte foto: https://www.facebook.com/pg/poliziadistato.it

Le condizioni di Manuel Bortuzzo: rischia la paralisi

Non arrivano buone notizie per Manuel Bortuzzo. “C’è una lesione del midollo completa – dichiarano i medici riportati da La Repubblicae questo vuol dire che al momento consideriamo che non possa esserci una ripresa funzionale del movimento delle gambe. Le condizioni sono stabili e contiamo di risvegliarlo a breve ma da studi effettuati il paziente ha perso la mobilità“.

Sparatoria a Roma, grave il nuotatore Manuel Bortuzzo

A distanza di una settimana dalla tragedia sfiorata al Qube, il sabato sera si tinge ancora di rosso a Roma. Nella notte tra il 2 e il 3 febbraio 2019 un ragazzo di 19 anni è rimasto ferito dopo una sparatoria avvenuta all’Axa, quartiere in periferia della Capitale.

Le condizioni di Manuel Mateo Bortuzzo, promessa del nuoto di origine trevigiane – sono molto gravi e i medici stanno facendo di tutto per fermare l’emorragia toracica e rimuovere il proiettile. L’intervento è riuscito ma i medici ma per togliere la prognosi “bisogna aspettare almeno 48-72 ore”.

Il ragazzo – riferisce il primo bollettino medico riportato da Repubblica ha dimostrato di entrare in contatto con l’ambiente. Sono in corso tutti gli accertamenti per dare un’indicazione sulla possibilità del midollo spinale di condurre uno stimolo nervoso“.

Ambulanza
fonte foto https://www.facebook.com/sergio.n.fedele

Sparatoria a Roma, grave una promessa del nuoto italiano

Sulla vicenda indaga la polizia che al momento non esclude nessuna ipotesi. Molto probabilmente si è trattato di uno scambio di persona ma ancora è troppo presto per poter trarre conclusioni. Gli inquirenti hanno ascoltato i presenti, i quali hanno parlato di più proiettili sparati e diverse persone coinvolte.

Secondo quanto ricostruito dagli agenti – che stanno anche visionando le telecamere di sorveglianza – il ragazzo stava rientrando con gli amici a casa quando all’improvviso è stato raggiunto dai proiettili, accasciandosi a terra. Immediata la chiamata ai soccorsi con Manuel che prima trasportato all’ospedale di Ostia e successivamente al San Camillo. Le condizioni del trevigiano sono molto gravi e la prognosi rimane riservata.

Chi è Manuel Mateo Bortuzzo

Manuel Mateo Bortuzzo è una promessa del nuoto. Nato a Trieste nel 1999, si è trasferito solamente in estate ad Ostia per allenarsi al Centro Federale di Ostia. Una stagione appena trascorsa non semplice per il giovane visto la monocleosi che non gli ha permesso di raggiungere i traguardi prefissati. Il 2019 per lui doveva essere l’anno del rilancio ma questa brutta disavventura rischia di pregiudicare una carriera che si preannunciava ricca di soddisfazioni.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/manuelmateo.bortuzzo

ultimo aggiornamento: 07-02-2019


Torino, sgomberato centro sociale. Arrestati tre anarchici

Sea Watch smentisce il governo: nave idonea al soccorso