Sempre più spesso si sente parlare di SumUp, ma come funziona? Cos’è? Quali sono i costi? Vediamo tutto quello che c’è da sapere.

Dal 2016, con l’introduzione della nuova Legge di Stabilità, i vari commercianti devono essere in possesso di un POS per i pagamenti elettronici con carte di credito e di debito. Ma oltre al tradizionale POS c’è anche una pratica alternativa che sta prendendo sempre più piede: SumUp. Come funziona? Che cos’è? Quali sono i costi? Come si fa ad ottenerlo? In questo articolo vediamo tutto quello che c’è da sapere su questo lettore portatile di carte che accetta anche i pagamenti effettuati tramite smartphone.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

SumUp: come funziona

SumUp è un lettore di carte di credito e di carte di debito di tutti i principali circuiti: Visa, Mastercard, Maestro, American Express ma anche V PAY, Diners Club, Discover e China Union Pay. Accetta inoltre anche i pagamenti effettuati tramite Google Pay e Apple Pay.

carta credito prepagata bancomat visa mastercard
carta credito prepagata bancomat visa mastercard

Per avere un dispositivo SumUp bisogna richiederlo direttamente dal sito. Bisogna per prima cosa creare un account, vi verrano chieste alcune informazioni come il Paese in la vostra attività è registrata, l’indirizzo mail e la password. Poi vi verrà chiesto di scegliere quale tra i vari lettori di carte SumUp desiderate avere: ne esistono infatti di diversi tipi.

Dopo aver selezionato il lettore di carte, dovrete inserire i vostri dati e pagare il costo del lettore: si può pagare sia tramite carta di credito che tramite bonifico bancario. A questo punto non resta che confermare l’ordine.

Per utilizzarlo bisogna installare l’App di SumUp sul proprio smartphone (è disponibile sia per i dispositivi Android che per quelli iOS). Una volta scaricata dovete ovviamente loggarvi con le vostre credenziali (le stesse scelte per la registrazione al sito).

SumUp: i lettori di carte

Quanti e quali sono i lettori di carte SumUp? Ne esistono di tre tipi. Il primo è il SumUp Air: si connette via Bluetooth allo smartphone e accetta fino a 500 transizioni con una ricarica. Il costo è 29 euro, viene venduto anche insieme alla base di ricarica che gli permette di restare sempre carico, in questo caso il costo sale a 59 euro.

Il secondo tipo è il lettore SumUp Solo, è un lettore POS touchscreen che non ha bisogno di essere collegato a uno smartphone. Si connette alla rete Wi-Fi e ha una batteria di lunga durata. Il costo è 99 euro.

Il terzo e ultimo modello è il lettore SumUp 3G + Stampante: non ha bisogno di essere collegato a uno smartphone, si connette alla rete WiFi, con una ricarica permette fino a 50 transizione e stampa direttamente le ricevute. Il costo è di 149 euro.

Pagamenti con SumUp: come funzionano

Ma come funzionano i pagamenti con SumUp? Dipende dal tipo di lettore di carte che avete scelto. Se utilizzate il SumUp Air, dovete inserire la cifra da pagare nell’App scaricata sul vostro smartphone, se invece utilizzato il SumUp Solo e il SumUp 3G + Stampante potete digitare la cifra direttamente sul lettore.

A questo punto funziona come un nomale POS: il cliente avvicina la carta di credito, digita il codice Pin e, se non si dovessero riscontrare problemi, la transizione andrà in porto.

SumUp: i costi

Se scegliete di avere un lettore di carte SumUp è bene sapere che gli unici costi sono quelli del lettore al momento dell’acquisto (che come abbiamo visto variano a seconda del lettore). C’è poi una commissione dell’1,95% per ogni transizione effettuata, non sono invece previsti altri costi fissi.

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 31-10-2021


Come fare foto belle con lo smartphone: addio a quelle sfocate

Film streaming gratis senza registrazione: ecco come vederli