Superbike, Toprak Razgatioglu ha vinto Gara-1 del GP del Portogallo. Un successo che permette al turco di avvicinare il Mondiale.

PORTIMAO (PORTOGALLO) – Toprak Razgatioglu ha vinto Gara-1 del GP del Portogallo, consueto appuntamento con il Mondiale di Superbike. Il turco è riuscito a conservare il primo posto dopo una dura lotta con Redding, con il britannico che al quinto giro è stato protagonista in un duello con Rea. Ad avere la peggio è stato il campione del mondo in carica caduto e con zero punti portati a casa.

Sul podio insieme al pilota della Yamaha è salito proprio Scott Redding e un sorprendente Loris Baz, bravo a sfruttare l’occasione e i diversi ritiri (tra cui anche il nostro Locatelli) per conquistare il terzo posto davanti a Rinaldi. 7° Bassani, 12° Cavalieri.

Green Pass obbligatorio, tutte le regole da rispettare

Le classifiche

Con questa vittoria Razgatioglu avvicina sempre di più il Mondiale. Sono 45 i punti di vantaggio su Rea (474 contro 429) e sicuramente non sarà semplice per il campione del mondo uscente confermare ancora una volta il titolo iridato. Terzo posto per Redding (395). Il migliore degli italiani è sempre Rinaldi (240) davanti a Locatelli (227), rimasto a zero dopo la caduta. 11° Bassani (159), 23° Cavalieri (10), 26° Mantovani (3°).

Nel Mondiale Costruttori la Yamaha è sempre in testa con 499 punti conquistati davanti a Ducati (479) e Kawasaki (448).

MotoGP
MotoGP

Gara-2 importante per il Mondiale

Messa alle spalle questa gara, il secondo appuntamento di Portimao si annuncia sicuramente interessante per il Mondiale. Rea non può più permettersi errori e per questo motivo proverà ad attaccare sin dai primi giri. Di fronte c’è sicuramente un avversario molto continuo come Razgatioglu e il turco potrebbe decidere di gestire per non prendere inutili rischi visto il primo posto in cassaforte e soprattutto Mondiale davvero vicino.

ultimo aggiornamento: 02-10-2021


MotoGP, Miller il più veloce nelle libere di Austin

Il ministero della Salute scrive a Ducati, Ferrari e McLaren. Ecco perché…