Tabaccaio spara a rapinatore, i risultati dell'autopsia sul corpo della vittima

Abuso di legittima difesa, l’autopsia inchioda il tabaccaio di Ivrea?

Tabaccaio spara a rapinatore, i risultati dell’autopsia complicano la situazione del commerciante: avrebbe sparato dal balcone colpendo il malvivente alle spalle.

IVREA (TORINO) – Arrivano nuovi sviluppi sul caso del tabaccaio che spara al rapinatore e si ritrova indagato per abuso di legittima difesa. Il caso ha guadagnato le prime pagine di tutti i quotidiani nazionali perché rappresenta la prima prova del nove per la legge della legittima difesa promossa da Matteo Salvini.

Stando ai primi risultati dell’autopsia, cui comunque seguiranno altri esami balistici e medici, il commerciante avrebbe sparato dall’alto, probabilmente dal balcone della sua abitazione, che si trova proprio sopra al negozio.

C’è di più. Il colpo sparato avrebbe colpito il rapinatore quanto questo era di spalle, forse già in fuga.

Ivrea, tabaccaio spara a rapinatore e lo uccide: è indagato per abuso di legittima difesa

La prima mossa della magistratura non ha fatto particolarmente piacere al ministro dell’Interno e al suo elettorato. In realtà neanche a tutti quei commercianti che hanno subito anche decine di furti cui hanno dovuto assistere inermi. Il tabaccaio di Ivrea infatti è stato inscritto nel registro degli indagati per abuso di legittima difesa.

Prove scientifica
Prove scientifica

Il commerciante ha fatto fuoco dall’alto mentre i malviventi erano in fuga? I primi risultati dell’autopsia

Stando ai primi risultati degli esami medici effettuati sul corpo del giovane moldavo rimasto ucciso, sembra che il tabaccaio abbia sparato dal balcone della sua abitazione e mentre il rapinatore era di spalle.

Quindi, a differenza di quanto emerso in un primo momento, il commerciante non sarebbe sceso nel negozio e non ci sarebbe stata alcuna colluttazione con i malviventi. Al momento si tratta di ipotesi ma la situazione del commerciante sembra aggravarsi in maniera significativa.

ultimo aggiornamento: 11-06-2019

X