La visita della speaker della Camera Usa Nancy Pelosi ha irritato la Cina che ha definito gli Usa traditori.

Dopo 25 anni arriva un’alta carica dello stato degli Usa sull’isola di Taiwn. L’arrivo di Pelosi a Taipei ha messo in massima allerta Pechino. Nonostante gli avvertimenti della Cina, la presidente della Camera ha fatto tappa a Taiwan sfidando apertamente il governo di Xi Jinping. “La visita della nostra delegazione parlamentare dimostra il sostegno incondizionato dell’America alla vivace democrazia di Taiwan” ha dichiarato Pelosi.

Il viaggio della speaker della Camera aveva riscosso un sostegno bipartisan al Congresso Usa. Nonostante il presidente Biden aveva cercato di dissuadere la presidente dall’intraprendere questo viaggio pericoloso. Per Pechino è stata una grave provocazione e una violazione del principio di unica Cina. “Gli Stati Uniti si assumeranno la responsabilità delle conseguenze e dovranno pagare il prezzo del loro attacco alla sovranità e alla sicurezza della Cina” ha affermato il portavoce della diplomazia cinese.

Nancy Pelosi
Nancy Pelosi

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Le conseguenze per Taiwan della visita di Pelosi

Anche la Russia ha spalleggiato la Cina cogliendo l’occasione per denigrare Washington. Arriva puntuale il commento di Zakharova che scrive che l’America vuole destabilizzare il mondo. Ma le conseguenze arrivano anche in modo concreto dalla Cina che ha già sospeso l’importazione di alcuni beni taiwanesi. Inoltre, è stato convocato l’ambasciatore Usa in Cina.

Sul piano militare ha avviato manovre militari nelle zone marittime e aeree di Taiwan. Oltre venti aerei militari cinesi avrebbero violato lo spazio aereo dell’isola. La tensione è molto alta anche se gli esperti escludono che possa trascendere in una guerra. Le ripercussioni però si avranno solo in seguito e nei confronti della popolazione taiwanese poiché è probabile che la Cina inasprisca la situazione nell’isola.

Nancy Pelosi è una grande sostenitrice della democrazia e dei diritti umani. Ha mostrato più volte il suo sostegno ai movimenti democratici cinesi anche dopo gli episodi di Piazza Tienammen. Gli esperti credono che le vere conseguenze si avranno solo dopo la sua partenza e a pagare saranno gli abitanti di Taiwan.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 03-08-2022


Scuola, a settembre si rientra senza mascherine? 

Kansas: il voto che difende il diritto