Tav, via ai bandi e poi stop ai lavori: il compromesso tra Matteo Salvini e Luigi Di Maio.

Mentre Salvini e Di Maio continuano a rimanere fermi, immobili, sulle proprie posizioni di partenza, il premier Giuseppe Conte cerca una nuova miracolosa mediazione tra i due premier per scongiurare definitivamente l’ipotesi di un rischiosa crisi di governo.

Luigi Di Maio e Matteo Salvini
Roma 01/06/2018 – giuramento Governo Italiano / foto Insidefoto/Image nella foto: Luigi Di Maio-Matteo Salvini

Tav, lunedì la scadenza peri bandi

Il tempo stringe. Entro lunedì si dovranno avviare i bandi. Salvini non è intenzionato a mancare l’appuntamento con i fondi europei, mentre Di Maio non è intenzionato a vincolare soldi per un’opera che, come ribadito dal premier Conte, dovrà essere ridiscussa.

Al momento la situazione sembra di difficile soluzione. O si arriva a un compromesso nelle prossime ore o la stabilità del governo rischia di essere messa seriamente in discussione. E al momento il compromesso possibile è quello sui bandi.

Tav Chiomonte
Fonte foto: https://www.facebook.com/Gruppo-Giovani-ANCE-Torino

Tav, il possibile compromesso tra Matteo Salvini e Luigi Di Maio

Il governo italiano dovrebbe partecipare ai bandi ma con riserva, scenario legittimato, a quanto emerge, da una regola che permetterebbe di ritirarsi dai bandi anche in un secondo momento.

Luigi Di Maio dovrebbe dunque dire sì al possibile investimento di soldi italiani nel progetto Tav in attesa che Conte incontri Francia e Unione europea per esporre le remore del governo italiano. Anzi, di parte del governo italiano. Nel caso in cui il premier non dovesse trovare soddisfacenti le condizioni dei francesi e dell’ue e dovesse confermare il suo no all’opera, allora a fare un passo indietro dovrebbe essere Matteo Salvini.

L’ipotesi non sarebbe risolutiva ma eviterebbe nell’immediato una crisi di governo e consentirebbe a Lega e Movimento Cinque Stelle di guadagnare tempo in vista delle prossime elezioni europee.

Fonte foto copertina: https://twitter.com/matteosalvinimi


TAV, trema palazzo Chigi. M5S: la crisi di governo è aperta

TAV, Di Maio: la questione si sta risolvendo. Fico: M5s è per il no