Le ballerine del teatro occupato formano una Z, il simbolo del sostegno filorusso.

Mentre le città ucraine vengono bombardate e assediate da est a ovest, e molte stanno subendo una vera e propria carneficina come il caso di Mariupol, c’è chi sostiene Putin. Si tratta delle zone da tempo occupate da filorussi ostili al governo ucraino e sostenuto dall’esercito russo, seppur non ufficialmente. Come il caso della città di Donetsk, nella parte orientale e meridionale dell’Ucraina. A maggioranza russofona governata da anni dalle forze separatiste che combattono insieme a Mosca per l’indipendenza da Kiev. A prova di questo sostegno, le ballerine del teatro dell’Opera di Donetsk hanno formato una Z durante lo spettacolo. La lettera è diventata il simbolo del sostegno a Putin e all’invasione ucraina, per loro vista come una liberazione.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Il simbolo di Putin: dai carri armati alle magliette sull’e-commerce

Militare Russia
Militare Russia

All’inizio del conflitto le regioni del Donbass e del Donetsk e Lugansk si sono autoproclamate repubbliche e Putin le ha riconosciute. Ora chiede a Kiev lo stesso riconoscimento. Il supporto a Putin in queste regioni ora è quasi scontato. La Z che appare sui carri armati russi, sui palazzi e ora anche negli spettacoli teatrali significa Za pobedu, ovvero Per la vittoria. Oltre al caso delle ballerine, emblematico fu anche il caso del ginnasta russo Ivan Kuliak. La sua foto sul podio della Coppa del Mondo di ginnastica, accanto all’ucraino Kovtun Illi, con la Z stampata sul petto ha fatto il giro del web. O come ad esempio l’ospedale oncologico di Kazan che ha fatto disporre i bambini a forma di Z.

Molti hanno associato questa Z alla svastica nazista, un simbolo che compara ovunque anche tra i Putin team, ovvero i gruppi ultranazionalisti che sostengono Putin e la sua offensiva. Mentre sono molti a condannare e lasciare la Russia tra i cittadini, vi sono anche molti sostenitori civili che alimentano questo conflitto. Una propaganda che passa attraverso il marketing, come si vede dalle Z sulle tute e maglie nere dei sostenitori di Putin.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 14-03-2022


Israele apre il canale diplomatico: negoziati a Gerusalemme

Figliuolo il 31 marzo lascia il suo incarico