Ecco tutto quello che c’è da sapere su Telepass Pay, l’app che facilita la mobilità in tutte le sue forme: ecco i costi e il funzionamento.

È risaputo che quando ci si muove possono insorgere dei pagamenti, come il parcheggio sulle strisce blu, oppure l’autostrada, ma anche solamente il carburante, il bollo auto e l’RC auto. Ora tutto questo è pagabile grazie a una app, che si può comodamente scaricare sul proprio smartphone e portare sempre con sé, ovvero Telepass Pay. Con il tempo, inoltre, la società ha reso tutto sempre più comodo, unificando ogni tipo di pagamento su questa app, utilissima per ogni evenienza. Ma ecco tutto quello che c’è da sapere: dai pacchetti, al funzionamento passando per i costi.

Come funziona Telepass Pay

Come si legge dal sito ufficiale di Telepass Pay, basta scaricare l’app, disponibile per Android e iOs, sul proprio smartphone e aderire a uno dei pacchetti previsti. Quelli principali sono Telepass Pay, che comprende i pagamenti delle strisce blu, carburante, bollo auto, lavaggio dell’auto, prenotazione all’Autogrill, biglietti dei mezzi pubblici, spostamenti in treno, spostamenti in nave, spostamenti in taxi, skipass, revisione auto e servizi di sharing, come quelli delle biciclette, dei monopattini e degli scooter.

Invece è possibile sottoscrivere il pacchetto Telepass Pay X, che in più a tutti questi servizi appena elencati, ha anche disponibile una carta prepagata per lo shopping con Turboricarica, e il nuovo Telepass.

Telepass
Fonte foto: https://www.facebook.com/telepass/

C’è anche la possibilità di scegliere il Pacchetto Zero di Telepass Pay, che a un prezzo nullo dà solamente la possibilità di pagare il parcheggio sulle strisce blu.

Ovviamente per tutti questi pacchetti, al momento della sottoscrizione del contratto, si riceverà a casa il sistema Telepass per gli spostamenti velocizzati in autostrada e il pagamento dei pedaggi al casello. Solo per chi si muove a Milano, con l’app si può anche pagare il ticket d’ingresso per l’Area C.

Tagliando Telepass Pay, cos’è e a cosa serve

Per il pagamento del parcheggio sulle strisce blu, per far capire ai vigili urbani che si sta pagando con l’app di Telepass Pay bisogna esporre il Tagliando Telepass Pay, che è possibile scaricare tramite il sito ufficiale, nell’area riservata.

Per procedere al pagamento della sosta, bisogna aprire l’app e rilevare la propria posizione (del veicolo in sosta), inserire la targa del veicolo, e inserire la data e il tempo di sosta che si intende fare. Con l’app sempre a disposizione si può anche gestire la durata della sosta quando già è in corso. Attenzione, perché non tutti i parcheggi blu sono convenzionati, ma basta vedere sul sito ufficiale.

I costi di Telepass Pay

Per chi è già cliente Telepass, il costo di abbonamento mensile di Telepass Pay è di 1,24 euro, che sommandosi con gli 1,26 euro mensili che già si pagano, viene a costare 2,50 euro al mese.

Ovviamente chi non paga già i soldi per il servizio Telepass e vuole entrare nel mondo di Telepass Pay, basta che sottoscrive il contratto, pagando 2,50 euro complessivi al mese, e avrà a disposizione tutti i servizi.

Molti si chiedono, inoltre, se il pacchetto Telepass Pay X conviene. La risposta è sì, anche perché chi lo sottoscrive i primi due anni sono gratuiti, in quanto si tratta di un’offerta. Il costo poi mensile è sempre di 2,50 euro dopo i due anni. Si avrà inoltre la possibilità di avere il nuovo Telepass.

Il Pacchetto Zero invece non ha un canone mensile da pagare, ma i servizi, come già detto, sono limitati al pagamento delle Strisce Blu. Se si vuole passare a Pay si paga 1,24 euro al mese.

Chi disdice gli abbonamenti a Pay o Pay X paga un canone mensile di 1,50 euro, rimanendo comunque cliente Telepass.

Fonte foto: https://www.facebook.com/telepass/


MotoGP, operato Fabio Quartararo: obiettivo Le Mans

Ferrari, primo trimestre positivo