Nuova scossa di terremoto nelle Marche: durante le prime ore di oggi, alle 2:59, i sismografi hanno registrato una scossa di magnitudo 3.6.

Dopo il picco registrato il 20 novembre scorso, continua l’attività sismica nelle Marche, nella zona dell’Adriatico. L’epicentro del terremoto è stato registrato nei pressi della città di Fano. Secondo quanto rilevato dai sismografi, l’attività sismica ha registrato una magnitudo 3.6 in mare, davanti alle Marche.

L’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) ha segnalato un terremoto di magnitudo 3.6. Il sisma si è verificato durante le prime ore di oggi, intorno alle 2:59. L’ipocentro si è registrato a circa 10 chilometri di profondità ed epicentro 22 km a nordest di Fano (Pesaro Urbiano). Per il momento, non è arrivata nessuna segnalazione di danni a cose o persone.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

La scossa del 9 novembre

Non si tratterebbe di un caso isolato: già durante la prima mattinata del 9 novembre scorso si era verificata una scossa di terremoto nelle Marche di magnitudo 5.7. La scossa è stata talmente violenta che i tremori si sono uditi per tutto il centro Italia. Il sismografo sul Vesuvio ha segnato alle ore 7 circa un terremoto di magnitudo 5.7 scala Richter.

Sismografo terremoto
Sismografo terremoto

Anche durante il sisma dello scorso 9 novembre, non si sono registrati danni a cose o persone. Al momento del sisma, nessuna comunicazione è giunta alla sala operativa del comando dei vigili del fuoco. La notizia è giunta attraverso le diverse segnalazioni suoi gruppi Facebook dei comuni interessati dal sisma.

Scosse e boati si sono uditi nella zona flegrea interessando tutta l’Italia centrale e anche nella zona di Pozzuoli. Ma non si tratta di un caso isolato: la zona flegrea è spesso interessata da piccole e grandi scosse conseguenti l’attività vulcanica della caldera locale.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 23-11-2022


Ucraina, bombe nel reparto maternità: morto un neonato 

Diabete, approvato nuovo farmaco che ne ritarda l’insorgenza