Grado en Derecho e Master en Abogacía sono le due tappe fondamentali per accedere alla professione forense in Spagna, affrontando al meglio la prova finale abilitante. “Titolispagna” ci chiarisce il quadro normativo attuale.

Il percorso per accedere alla professione di avvocato previsto in Spagna garantisce numerosi vantaggi a coloro che vogliono intraprendere questa strada, potendo contare su un iter decisamente più breve e semplificato rispetto a quello previsto dalla normativa italiana.

Grado en Derecho e Master en Abogacía sono le due parole chiave fondamentali, due step da compiere per diventare avvocato superando l’esame di Stato ed effettuando l’iscrizione al Collegio degli Abogados di Madrid e anche all’Albo italiano degli avvocati stabiliti.

Quali sono le tappe fondamentali che un aspirante avvocato deve compiere scegliendo il percorso spagnolo? Quali i vantaggi e le differenze rispetto all’Italia?

Avvocato ufficio legge

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Grado en Derecho: come funziona la laurea in Giurisprudenza spagnola

Attualmente la normativa spagnola per l’accesso alla professione forense si basa sul processo di convalida, che sostituisce la precedente omologazione del titolo che ha perso validità con l’entrata in vigore del Real Decreto 967 nel novembre 2014.

Con la convalida al Grado en Derecho della laurea conseguita in Italia, infatti, è possibile acquisire una seconda laurea a tutti gli effetti: i crediti universitari precedentemente acquisiti possono essere misurati e valutati tenendo conto del complesso dei crediti formativi della laurea spagnola, conteggiando poi i crediti che mancano per ottenere la seconda laurea.

È un sistema universitario valido a livello europeo, basato sulla mobilità dei crediti e non più sulla mera staticità. I vantaggi che derivano dal “Grado en Derecho” sono numerosi:

  • i tempi dovuti alla burocrazia ministeriale sono ridotti al minimo;
  • al centro del procedimento per diventare Abogado in Spagna c’è l’Università spagnola, che valuta il curriculum e i crediti predisponendo il procedimento da svolgere in modalità completamente digitale;
  • è possibile attivare un percorso personalizzato con tutti gli strumenti per acquisire l’abilitazione alla professione forense in Spagna, in Italia e nel resto dell’Europa.
  • il curriculum accademico e professionale risulterà notevolmente arricchito.
sala tribunale

Master en Abogacía: vantaggi e opportunità

Una volta conseguito il Grado en Derecho è possibile frequentare il Master en Abogacía di accesso alla professione di avvocato, il percorso formativo obbligatorio per il laureato in giurisprudenza prima di poter sostenere l’esame di Stato.

Sono proprio la seconda laurea ufficiale – il Grado en Derecho appunto – seguita dal Master universitario en Abogacia a rappresentare un bagaglio efficace e completo per affrontare al meglio la prova finale, che consiste in un test a risposta multipla composto da 75 domande.

Entrando più nel dettaglio del Master, è un titolo di formazione post-universitaria rilasciato da una università ufficialmente riconosciuta e spendibile in tutta Europa. Avviato con l’entrata in vigore della riforma spagnola sull’accesso alla professione di avvocato, infatti, il Master fa capire come la Spagna rappresenti una validissima alternativa al sistema italiano, una leva per accedere all’Albo degli avvocati stabiliti, senza tuttavia essere percepiti come professionisti di serie B.

L’opportunità di frequentare il Master en Abogacía online, inoltre, permette di seguire le lezioni in qualunque ora della giornata contando sull’assistenza dei docenti, ottenendo un notevole risparmio economico.

Concludendo, il binomio costituito dal Grado en Derecho e dal Master en Abogacía può trasformarsi in un volano efficace per conquistare il titolo di avvocato in Spagna.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 16-11-2022


Binance ha una riserva di oltre $ 70 miliardi

Penne personalizzate: guida alla scelta dei gadget promozionali più amati