Secondo il Washington Post i documenti sequestrati dall’Fbi conterrebbero anche dei segreti di un paese straniero.

I documenti governativi presenti nella tenuta Mar-a-Lago in Florida di Donald Trump sequestrati dall’Fbi durante la retata, contenevano anche documenti segreti. Si tratta di un documento segreto relativo alle difese militari e agli armamenti nucleari di un paese straniero. L’indiscrezione arriva da fonti anonime al Washington Post però non ha specificato di quale paese straniero si tratti.

Durante la perquisizione alla villa di Trump nella notte tra l’8 e il 9 agosto, i federali hanno trovato questi documenti tra gli altri. Dopo le accuse all’agenzia federale, il dipartimento di Giustizia aveva spiegato la motivazione della perquisizione, ovvero la raccolta di «numerose prove» che attestavano i tentativi dei legali di Trump di nascondere i documenti classificati conservati nella villa e di evitare di consegnarli alle autorità.

Donald Trump
Donald Trump

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Informazioni top-secret in possesso di Trump

Si tratta infatti di documenti segreti che solitamente vengono conservati in strutture chiuse a chiave e sorvegliate appositamente e che non dovrebbero stare in un’abitazione privata nelle mani di un civile, anche ex presidente degli Usa. In teoria solo il presidente e alcuni membri del governo possono autorizzare altri funzionari a conoscere i dettagli di queste attività.

L’indiscrezione era stata già avanzata dal quotidiano statunitense ma subito smentita da Trump come fake news. A fine agosto però è emerso tra i documenti uno denominato «Informazioni sul Presidente della Francia». Ora i funzionari sia statunitensi che francesi stanno lavorando per capire che tipo di informazioni Trump fosse in possesso contro Macron e il governo francese per verificare se si trattasse di pericolo per la sicurezza nazionale.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 07-09-2022


Save the Children: abbandono scolastico al 12,7% 

Vaccino aggiornato, chi deve farlo subito?