Ora è ufficiale. Giuseppe Conte è il leader leggittimo del Movimento 5 Stelle. Il voto circa il nuovo statuto, è valido.

A deciderlo, il Tribunale di Napoli, che si è risolto per un rifiuto del ricorso, avanzato da parte della fazione attivista in seno al Movimento. Ora Conte è libero di gioire, con il suo “Andiamo avanti”.

Buone nuove, quindi, per il Movimento 5 Stelle. Conte e il suo partito, possono finalmente esultare su questo dato, dopo un lungo periodo di pesanti scossoni, a suon di continui colpi bassi: dalle conferenze stampa al veleno, ad un governo Draghi sempre più sulla soglia del precipizio, fino all’ultima sconfitta alle elezioni.

Il Tribunale napoletano, ha rigettato in toto, il ricorso cautelare, avanzato da una fazione di attivisti del Movimento stellato. Il gruppo, aveva proposto la richiesta di sospensione dello statuto, oltre che la nomina di nuovi vertici al partito.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Vittoria per i Cinque Stelle

Il Movimento può finalmente tirare un respiro di sollievo e “cantar vittoria”.

Giuseppe Conte
Giuseppe Conte

Giuseppe Conte, non ha mancato di twittare la vittoria: “Il Tribunale di Napoli ha respinto il ricorso in sede cautelare, contro lo Statuto e le democratiche scelte dei nostri iscritti, sul futuro del Movimento 5 Stelle . Andiamo avanti, con forza e determinazione per il rilancio del nuovo corso”. Dopo circa un anno dalla votazione su Skyvote, la falla della scissione del partito resta comunque in ballo, come appunto ben dimostrato da provvedimenti come questo.

Il legale Francesco Cardelli, assistente di Conte e del Movimento, in fase tribunalizia, ha dichiarato che: “Un’ordinanza molto ben motivata e articolata, che sicuramente tocca tutti i punti nevralgici del ricorso e dà piene ragioni alle tesi del Movimento”. Si tratta sicuramente di una vittoria di Conte, visto che il ricorso è stato respinto, sia pure in sede cautelare”.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 15-06-2022


“Chi ha detto che l’Ucraina tra due anni esisterà ancora?”

Grave siccità in Nord Italia