Il presidente Usa, Donald Trump, ha dichiarato che a breve gli Stati Uniti usciranno dal lockdown contro il coronavirus, indipendentemente dall’arrivo del vaccino.

WASHINGTON (USA) – Donald Trump prefigura uno scenario di prossima fine del lockdown. Tutto questo, indipendentemente dalla disponibilità o meno del vaccino. “Non voglio che le persone pensino che tutto questo dipenda da un vaccino. Vaccino o nessun vaccino, siamo tornati.”.

Il progetto del vaccino

E’ quanto ha dichiarato il capo della Casa Bianca durante la conferenza stampa del venerdì al Rose Garden, annunciando il progetto per accelerare la scoperta del vaccino anti-Covid-19. “Un enorme sforzo scientifico, industriale e logistico diverso da qualsiasi cosa il nostro Paese abbia visto dal Progetto Manhattan“, ha detto Trump, spiegando che verranno svolti studi su 14 promettenti candidati al vaccino per la ricerca e l’approvazione accelerate. Il nome del progetto è “Operation Warp Speed”, paragonato dall’uomo più potente del mondo alla corsa contro il tempo durante la Seconda Guerra Mondiale per produrre le prime armi nucleari.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

Donald Trump
Fonte foto: https://twitter.com/WhiteHouse

Trump nomina il generale Slaoui

Nel frattempo, Trump ha nominato un generale dell’esercito e un ex dirigente sanitario alla guida dell’operazione, una partnership tra il governo e il settore privato per trovare e distribuire un vaccino. Si tratta di Moncef Slaoui, che in precedenza aveva guidato la divisione vaccini presso il colosso farmaceutico GlaxoSmithKline, guiderà la missione, mentre il generale Gustave Perna, responsabile della logistica dell’esercito americano, sarà il direttore operativo. Parlando dopo Trump, Slaoui ha affermato di essere “fiducioso” che entro la fine del 2020 verranno consegnate “alcune centinaia di milioni di dosi di vaccino.”.

ultimo aggiornamento: 16-05-2020


Coronavirus e vacanze, l’Ue all’Italia: “I passeggeri devono poter scegliere tra voucher e rimborso”

Silvia Romano, perquisizioni del Ros nella sede della Onlus Africa Milele