Tullio Pironti è morto all’età di 84 anni. L’editore si è spento nella sua casa di Napoli. Non si conoscono i motivi del decesso.

NAPOLI – Lutto nel mondo dell’editoria. E’ morto all’età di 84 anni Tullio Pironti, editore che ha pubblicato il libro Il camorrista sul boss Raffaele Cuolo, libro diventato anche un film. Le cause del decesso non sono state comunicate e nei prossimi giorni si potrebbe organizzare un evento per ricordare una persone sicuramente molto importante per il mondo della cultura italiana.

Chi era Tullio Pironti

Nato il 10 giugno 1937 a Napoli, Tullio Pironti ha iniziato prima la sua carriera da boxeur. Alla conclusione dell’avventura da professionista, l’atleta ha deciso di addentrarsi nel mondo dell’editoria. Una prima esperienza con il libro-reportage La lunga notte di Fedayn.

Subito dopo ha proseguito la sua avventura con la pubblicazione di altri libri come per esempio quello dedicato al boss Raffaele Cutolo. Ma anche autori del calibro come Bret Easton Ellis, il Premio Nobel Nagib Mahfuz e i libri-reportage di David Yallop. Ma Pironti nella sua lunga carriera si è dedicato anche al mondo della scrittura con il lavoro Libri e cazzotti, l’autobiografia realizzata insieme al giornalista Carratelli. Insomma un vero e proprio punto di riferimento per la cultura italiana e la notizia della scomparsa lascia sicuramente un vuoto incolmabile e in futuro non si escludono eventi per ricordarlo.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

Libri
Libri

La morte

Tullio Pironti è scomparso nella giornata di mercoledì 15 settembre 2021. La famiglia non ha comunicato i motivi della morte dell’editore. Un massimo riserbo che è stato sempre tenuto dalle persone vicine all’editore napoletano. In futuro non si esclude la possibilità di un evento per consentire ad amici e fan di ricordarlo. Manifestazioni destinate a continuare annualmente per non far perdere la memoria di un rappresentante della cultura italiana sicuramente importante.


Papa Francesco: “Il matrimonio è tra uomo e donna. Vaccini? Nel collegio cardinalizio ci sono negazionisti”

16 settembre 1970, Mauro De Mauro viene ucciso dalla mafia