I televisori con tecnologia 8k ad altissima definizione sono pronti a fare il loro ingresso nel mercato. Vediamo caratteristiche, e pro e contro di questa nuova tecnologia e di questi dispositivi.

Sono pronti ad invadere il mercato e a rendere felici tutti gli amanti delle nuove tecnologie e dell’HD: parliamo dei nuovi televisori con risoluzione 8k, modelli successivi alle TV con tecnologia 4k.

In cosa consiste questa nuova tecnologia 8k? Se con il 4k riusciamo a vedere film e trasmissioni in HD, con la tecnologia 8k arriveremo all’Ultra HD: la risoluzione dei nuovi televisori, infatti, è pari a 7680 x 4320 pixel (oltre trentatré milioni di pixel), un numero quattro volte superiore rispetto alla risoluzione precedente, e addirittura di 16 volte rispetto alla risoluzione Full HD, in grado di garantire un coinvolgimento maggiore del consumer davanti al piccolo schermo.

Ce n’è abbastanza per chi è appassionato dell’HDR e delle immagini quanto più realistiche e fedeli all’originale, anche se, guardando i prezzi di alcuni modelli, questi televisori sembrerebbero essere per pochi. Senza contare che i televisori 4k sono in commercio da pochi anni, e solo ultimamente la domanda da parte dei consumer sembra essere in crescita.

8k, una tecnologia che parte dal Giappone

Pioniera di questa rivoluzione è l’emittente nazionale giapponese NHK, che è al lavoro sulla tecnologia 8k da molti anni, dal 1995. Nel 2005 proiettano il primo standard Super Hi-Vision su uno schermo 600 pollici all’Expo 2005 Aichi Japan, e da allora, NHK non si è fermata. Pochi giorni fa, grazie ad una partnership con Eutelsat Communications, ha lanciato il primo canale diffuso via satellite in 8k al mondo, BS8K, che trasmette filmati e contenuti dodici ore al giorno, e il 2 Dicembre è stata trasmessa una diretta dal Vaticano attraverso il satellite Eutelsat 12 West B con un uplink mobile fornito da M-three Satcom.
Obiettivo dell’emittente è quella di trasmettere nel 2020 i Giochi Olimpici e Paraolimpici a Tokyo con tecnologia in 8k.

TV 8k
fonte foto: pixabay.com/en/room-office-modern-lectronic-2559790/

TV 8k: pro e contro

Conviene avere una televisione con tecnologia 8k? Per quanto possa sembrare pioneristico, avere una TV 8k lascia spazi aperti per alcune considerazioni.

Pro. I pro in una TV 8k sono molteplici, tutti legati alla definizione dell’immagine: se pensavamo di aver raggiunto la perfezione con il 4k, l’8k fa un balzo in avanti, e garantisce una risoluzione ancora più nitida e fedele all’originale. Grazie poi al numero elevato di pixel, l’utente sarà in grado di cogliere anche i minimi dettagli.

Contro. Questa nuova tecnologia in Ultra HD ha però un rovescio della medaglia. È infatti una tecnologia ancora prematura, e sono ancora pochissime le piattaforme che distribuiscono contenuti nativi in 8k. La produzione da parte di emittenti televisive o produzioni cinematografiche infatti può avere dei costi elevati in termini di investimenti hardware e infrastrutture.

E se al momento su alcune piattaforme in streaming come Vimeo e YouTube spuntano video in 8k, la possibilità di fruire contenuti nativi in 8k è solo in Giappone.

Un altro ostacolo è l’infrastruttura e la velocità di trasmissione. Se i 4k necessitano di una connessione di almeno 20Mbps per trasmettere i contenuti, quelli in 8k, qualitativamente più elevati e quindi più pesanti, necessitano di un canale broadcast di almeno 50 o 100Mbps. Si dovrebbe quindi attendere l’arrivo capillare della fibra o di un’infrastruttura in 5G.

Un’ultima considerazione riguarda il costo: come tutte le novità, specialmente quelle del mercato IT, i prezzi, almeno all’inizio, sono elevati, e probabilmente saranno pochi quelli potranno accedere a questo mercato.

Se siete alla ricerca di dispositivi e accessori per trasformare la vostra TV in una smart TV, non dimenticatevi di consultare la nostra guida.

Fonte foto copertina: pixabay.com/en/room-office-modern-lectronic-2559790/

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
8k guide News scelte della redazione tech tv

ultimo aggiornamento: 09-12-2018


Segui Babbo Natale di Google torna anche nel 2018

Scannerizzare con lo smartphone, tre App gratuite per farlo in pochi minuti