Dopo essere diventato l’azionista di maggioranza della compagnia, il magnate Elon Musk ha deciso di non entrare nel board di Twitter.

Elon Musk è uno dei più influenti imprenditori del mondo, nonché ufficialmente l’uomo più ricco del mondo. Il magnate ha infatti staccato il secondo uomo più ricco del mondo – il magnate di Amazon, Jeff Bezos – di ben 100 miliardi di dollari. Ma l’influenza di Elon Musk non è legata solamente ai suoi progetti stravaganti e dal sicuro successo, quali Tesla, SpaceX e Starlink. Il magnate di origine sudafricana ha infatti deciso, poco tempo fa, di diventare l’azionista di maggioranza di Twitter.

Con il 9% delle azioni dell’azienda, Musk è il nuovo azionista di maggioranza della compagnia americana, proprietaria dell’omonimo social media. Musk ha capito una cosa fondamentale: controllare le comunicazioni è il modo migliore per esercitare la propria influenza sulla massa. E quale miglior modo di avere potere a livello di comunicazione, se non possedendo uno dei social media più usati al mondo?

Elon Musk
Elon Musk

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Le parole del Ceo di Twitter

Ma c’è una novità rispetto alle ultime notizie. Si era pronosticato che Musk sarebbe entrato nella board del social media. Eppure, il magnate di origine sudafricana ha deciso di non entrare nella board di Twitter. Questo è quanto annunciato dal Ceo della compagnia, Parag Agrawal, con un tweet. La nomina di Elon come membro del board avrebbe dovuto diventare effettiva dal 9 aprile, ma la stessa mattina Elon ha reso noto che non sarebbe entrato nel board. Credo sia la soluzione migliore. Abbiamo sempre preso in considerazione, e continueremo a farlo, gli input dei nostri azionisti, a prescindere che siano nel board o meno. Elon è il nostro principale azionista e siamo pronti ad accogliere le sue sollecitazioni.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 11-04-2022


Regina Elisabetta “esausta” dopo aver preso il Covid

Un pilota di kart russo ha fatto il saluto nazista sul podio, aperta inchiesta