Il piano decennale per la ricostruzione dell’Ucraina è stato presentato in Svizzera. Ecco i dettagli del piano da 750 miliardi di dollari.

L’Ucraina è un Paese devastato dalla guerra mossa dalla Russia nei confronti del Paese di Volodymyr Zelensky. Ebbene, al fine di fare in modo che l’Ucraina possa risollevarsi dalle ceneri legate alla guerra, il Paese di Zelensky ha presentato un piano per la ricostruzione del Paese. I soldi che saranno investiti nel piano saranno ben 750 miliardi di dollari. Scopriamo i dettagli della ricostruzione.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Il piano

Parliamo di 850 progetti volti a ridare un volto al Paese di Zelensky. L’idea è quella di un piano decennale, al fine di mettere in campo un progetto solido e sostenibile, per ricostruire il Paese. Il progetto, presentato in Svizzera, ha raccolto l’interesse di moltissime autorità europee, nonché alti membri del Governo ucraino. Il piano prevede due tempi: nel triennio 2023-25, saranno realizzati 580 progetti, dal costo di 350 miliardi di dollari. Il secondo capitolo, dal 2026 al 2033, prevede la realizzazione di progetti per oltre 400 miliardi di dollari. Si prevede un 7% di crescita annuale nel decennio a seguire.

guerra ucraina
Guerra in Ucraina

I programmi

I programmi che costano maggiormente sono i seguenti: l’ammodernamento e il ripristino degli alloggi e delle infrastrutture regionali, i quali richiederanno tra i 150 e i 250 miliardi di dollari; l’integrazione e l’ampliamento della logistica con l’Unione, che costeranno tra i 120 e i 150 miliardi di dollari; gli interventi volti a rendere l’Ucraina indipendente a livello energetico nonché la svolta verde, che peseranno 150 miliardi di dollari.

L’ufficiale governativo ucraino Denys Shmyhal ha twittato quanto segue, in merito al piano: “Ricostruiamo meglio! La ricostruzione dell’Ucraina sarà fatta secondo i migliori standard europei. Le persone, l’economia e le infrastrutture saranno i tre pilastri della ricostruzione ucraina”. E ancora, “durante l’evento abbiamo annunciato l’istituzione di uffici di ricostruzione ucraini a Washington, Bruxelles, Londra e altre città. L’ufficio centrale sarà a Kiev. Sono grato a tutti i partner per il loro supporto e la loro solidarietà! Ricostruiamo insieme l’Ucraina!”.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

Guerra in Ucraina

ultimo aggiornamento: 05-07-2022


Fusione nucleare: è caccia all’energia pulita

Sale cinematografiche in crisi: la posizione del Parlamento