Il ministro degli Esteri dell’Ucraina, Dmytro Kuleba, ha replicato alle parole del ministro russo Sergej Lavrov.

Il conflitto tra Ucraina e Russia ha causato moltissime vittime, nonché un numero decisamente troppo alto di rifugiati e profughi, che hanno dovuto mettere da parte i loro sogni di crescere ed invecchiare nella loro madrepatria. Inoltre, tantissimi ucraini hanno scelto di restare in Ucraina per combattere contro l’invasore russo. Tanti di questi hanno dovuto imbracciare armi per la prima volta nella loro vita, pur di cercare di salvare la propria patria.

In molti hanno paura che l’attuale guerra tra Ucraina e Russia stia degenerando. L’attacco in Transnistria di questa mattina potrebbe significare terza guerra mondiale. Eppure, le maggiori forze politiche mondiali si augurano che questo evento non avvenga: si cerca di porre fine all’attuale conflitto, eppure l’invasione russa potrebbe portare ad un’escalation imminente. Ebbene, in quest’ottica, il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha dichiarato quanto segue.

Bandiere di Russia e Ucraina

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Le parole di Kuleba in risposta a Lavrov

“La Russia perde l’ultima speranza di spaventare il mondo per il suo sostegno all’Ucraina. Di qui il discorso sul ‘reale’ pericolo di una Terza Guerra Mondiale. Questo significa solo che Mosca avverte la sconfitta in Ucraina. Pertanto, il mondo deve raddoppiare il sostegno all’Ucraina in modo da farci prevalere e salvaguardare la sicurezza europea e globale”. Questo il tweet di Dmytro Kuleba, per replicare all’omologo russo Sergej Lavrov, il quale ieri aveva esortato la Nato a non sottovalutare i rischi elevati di un conflitto nucleare, e aveva anche detto di considerare l’Occidente impegnato “in sostanza” in una guerra per procura contro la Russia tramite la fornitura di armi a Kiev.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

Guerra in Ucraina

ultimo aggiornamento: 26-04-2022


Cina: “Terza guerra mondiale? Nessuno la vuole”

Russia: “Se vale la logica della Gran Bretagna, possiamo colpire la Nato”