Severodonetsk rischia di diventare la nuova Mariupol. La guerra in Ucraina non finisce di colpire la popolazione.

Severodonetsk è messa veramente male. La popolazione ucraina, colpita gravemente dalla guerra, continua a soffrire l’azione offensiva delle truppe russe di Vladimir Putin nel territorio ucraino. Specialmente nell’est del Paese. La conquista della città di Severodonetsk potrebbe essere, come per Mariupol, un punto strategico per accedere in modo facile al Donbass. Queste le parole del governatore del Luhansk, Serhij Haidai, in merito alla situazione della città assediata senza sosta dai russi, la quale potrebbe cadere presto.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Le parole di Haidai

Intervistato dall’AdnKronos, il governatore di Luhansk ha commentato la situazione della città assediata. Severodonetsk è più piccola di Mariupol, in tempo di pace contava 120mila abitanti. Ma come Mariupol è bersagliata dai russi con lo stesso odio e pari accanimento. Ho visto corpi di bambini, anche piccolissimi, dilaniati dalle schegge delle bombe. Non dimentico. Non dimenticherò mai.

Il governatore di Luhansk ha inoltre dichiarato che Putin deve riuscire a vendere al suo popolo una sorta di vittoria e questa sarebbe l’unica possibile. Gli attacchi sono quotidiani, cercano di distruggere con tutte le armi possibili, dall’artiglieria ai missili, la città di Severodonetsk, cittadina chiave per la conquista da parte russa della regione, e la strada attraverso la quale vengono evacuate le persone”.

bombardamenti guerra ucraina
Bombardamenti in Ucraina

La situazione dei negoziati

Stando ad Haidai, i negoziati sono difficili da realizzare, in questo momento: Un accordo di pace con la Russia è impossibile, è un Paese che ha sempre mentito e mente con gli altri, basti pensare alla Georgia, alla Siria, alla Cecenia, alla Moldavia e, appunto, all’Ucraina. Se guardiamo indietro e andiamo a riascoltare le vecchie dichiarazioni di Putin, fa strano sentirlo parlare allora di rispetto dell’indipendenza dell’Ucraina, dei suoi confini amministrativi. Ed è anche da questo che si capisce come l’unica possibilità di fermare la Russia sia distruggere completamente l’esercito russo: se le truppe non saranno fermate in Ucraina andranno avanti nei Paesi Baltici, in Germania, in Spagna, in Italia, fin quando le loro mire non saranno arginate”.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

Guerra in Ucraina

ultimo aggiornamento: 26-05-2022


Ucraina, 230mila bambini rapiti dai soldati russi

Russia: “Piano di pace dell’Italia? Lo conosciamo solo dai media”