Una grande notizia per l’Italia: l’Unione europea ha versato la prima rata del Pnrr, corrispondente a 21 miliardi di euro.

L’Italia può gioire. Nelle casse dello Stato entrano 21 miliardi di euro, ovvero la prima rata del Pnrr. Questo è quanto annunciato tramite un Tweet dalla presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen. “Buone notizie per l’Italia: al via il primo pagamento dal Next Generation Eu per 21 miliardi di euro, ha scritto von der Leyen, aggiungendo anche: Complimenti all’Italia. Next Generation Eu è l’opportunità di una generazione”.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Le parole di Gentiloni

Sempre per mezzo di Twitter, il commissario europeo per l’Economia, Paolo Gentiloni, ha reagito positivamente a questo annuncio. “Deciso stamattina il primo pagamento europeo per il Pnrr italiano, 21 miliardi grazie al raggiungimento degli obiettivi concordati per fine 2021. La Commissione è al lavoro con autorità italiane per continuare l’attuazione del Next Generation Eu”.

Italia
Italia

Le dichiarazioni di Colao

In merito al Pnrr, ha parlato anche il ministro per la transizione digitale e l’innovazione tecnologica, Vittorio Colao. Queste le sue parole. Tutti i ministri vogliono usare il Pnrr per rafforzare le competenze. Il ministero dell’Innovazione tecnologica e la transizione digitale ha circa mezzo miliardo che abbiamo diviso in tre iniziative che sono complementari e non devono essere viste come una più importante dell’altra. La prima di questa – spiega il ministro per la transizione digitale e l’innovazione tecnologica – è il servizio civile digitale.

I dettagli della prima rata del Pnrr

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha dichiarato che la rata ha un valore complessivo pari a 24,1 miliardi di euro. Di questi, 11,5 miliardi di euro sono contributi a fondo perduto, mentre 12,6 miliardi sono prestiti. L’importo che sarà effettivamente versato diventa 21 miliardi di euro. Parliamo di 10 miliardi di sovvenzioni, nonché 11 miliardi di prestiti, considerando una quota che la Commissione trattiene su ogni rimborso, corrispondente al 13% del prefinanziamento da 24,9 miliardi di euro ricevuto dall’Italia ad agosto 2021. Il pagamento della prima rata, stando al Mef, “rappresenta un ulteriore passaggio nel percorso di attuazione degli investimenti e delle riforme previsti dal Piano.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 13-04-2022


Macron: “Genocidio in Ucraina? Stiamo attenti alle parole”

De Luca: “A Pasqua senza mascherina solo per mangiare la pastiera”