L’ultimatum di Renzi a Conte: “Il Piano Shock è per noi il punto chiave per continuare a collaborare con la maggioranza”.

ROMA – Il nuovo ultimatum di Renzi al premier Conte è stato lanciato attraverso la enews. “Il Piano Shock – scrive il leader di Italia Viva – è per noi il punto chiave anche per capire come lavorare insieme a una maggioranza con la quale abbiamo molti elementi di divisione. Abbiamo incontrato il presidente dl Consiglio e consegnato il nostro messaggio per il futuro. Nelle prossime ore capiremo se possiamo camminare insieme oppure se finire qui il nostro rapporto“.

Matteo Renzi sul dl Rilancio

Nel suo intervento l’ex premier è ritornato sul dl Rilancio: “Ci sono 55 miliardi da spendere bene. E bisogna farlo sapendo che stiamo indebitando le nuove generazioni. Non dobbiamo sprecare neanche un centesimo e un secondo“.

La burocrazia – ha aggiunto Renzi – va messa in quarantena. Noi siamo felici per alcuni interventi ma ora bisogna correre. Trovo giusto l’abolizione dell’autocertificazione, la cosa più assurda di questa quarantena. Se davvero sarà superata, significa che stiamo gradualmente tornando normali“.

Matteo Renzi
Matteo Renzi

Renzi: “Su Bonafede decideremo dopo le parole del ministro

Nessuna decisione sulla mozione di sfiducia nei confronti di Alfonso Bonafede: “Come ha sottolineato Lucia Annibali, se Di Matteo avesse fatto certe accuse a uno dei nostri, oggi i Cinque Stelle ne chiederebbero le dimissioni con manifestazioni di piazza. Noi siamo diversi, noi vogliamo ascoltare prima il ministro e poi decideremo anche alla luce delle conclusioni del lavoro sui contenuti in corso in questi giorni“.

Ore decisive per il futuro del Governo con Matteo Renzi che presto comunicherà se continuare a camminare insieme alla maggioranza oppure togliere l’appoggio a questo esecutivo. Con le possibilità di un ritorno alle urne che diventano sempre maggiori.

Scarica QUI la guida con tutte le precauzioni da prendere per limitare il contagio da coronavirus.


Infermieri di territorio, terapia intensiva e ambulanze Covid, come cambia la sanità con il dl Rilancio

Dl Rilancio, ora bisogna evitare imboscate in Aula